STRUMENTI DI DOMINIO: DEBITO PUBBLICO, PECCATO ORIGINALE, TASSE NON DOVUTE

PUNTO DI NON RITORNO PUNTO DI NON RITORNO

 

I grandi Usurai apolidi ci vogliono indebitati verso di loro, vita natural durante, di un debito inesistente (imposto con  la complicità delle classi politiche governanti) per poi indicarci come tentare di onorarlo con lavoro, sacrifici, privazioni, austerity (solo per noi); il Clero ci vuole macchiati sin dalla nascita di un peccato originale (inesistente nella Bibbia) opportunamente introdotto per poterci poi guidare su una via della salvezza (sempre pendenti dalla loro assoluzione) fatta di sensi di colpa, penitenze, privazioni e sofferenza; il Governo, con lo scopo dichiarato di migliorarci la vita, ci estorce, vita natural durante, tasse non dovute, disumane nella quantità e nelle modalità: inganno nell’inganno, conseguenza di quello originario della fraudolenta emissione monetaria a debito.


Le affinità tra debito, peccato originale e tassazione sono evidenti e non casuali. Si crea ad arte un debito fittizio o un inesistente peccato, un conseguente senso di colpa e una salvezza magnanimamente elargita dall'Autorità: 
l'élite, i buoni, i salvatori.

 


 La sensazione di essere perennemente e colpevolmente in debito, inconsapevolmente  assimilata senza alternativa, unita all’ansia che la accompagna, ci viene quotidianamente somministrata in toni soft, impercettibili seppur violenti, dalla Narrazione dei media dei Padroni del Discorso. 
Siamo prigionieri della nostra ignoranza, appositamente costruita da  un Governo invisibile ma onnipresente, una sovrastruttura di personaggi non eletti collocatasi al di sopra dei politici eletti, che rappresentano unicamente i propri interessi, indirizzando a proprio vantaggio le decisioni da adottare. Questi sinistri personaggi, psicopatici malati di delirio di onnipotenza,  non ci amano.


Le menzogne e le sofferenze che ne derivano sono ormai troppe e sempre più evidenti anche per i più ingenui.                  
La  consapevolezza di essere vittime di un’autorità ingiusta, sadica, non più umana, si diffonde veloce e inarrestabile tra le popolazioni. 
E’ stato raggiunto il punto di non ritorno.
​La Verità finirà per prevalere. 

 

 

Commenti