L'anima deve risalire a Dio


 


Prima che la creazione esistesse, c'era la Coscienza Cosmica: lo Spirito, o Dio, l'Assoluto. Beatitudine sempre-esistente, sempre cosciente, sempre-nuova al di là d'ogni forma e manifestazione. Quando la creazione entrò in esistenza, la Coscienza Cosmica "discese" nell'universo fisico, dove si manifesta come Coscienza Cristica: l'onnipresente, puro riflesso dell'intelligenza di Dio e della Sua coscienza inerente e latente in tutta la creazione. Quando la Coscienza Cristica discende nel corpo fisico dell'uomo, diviene anima, o supercoscienza: la sempre-esistente, sempre-cosciente, sempre-nuova beatitudine di Dio, individualizzata per il fatto di essere rinchiusa nel corpo. Quando l'anima si identifica col corpo, si manifesta come ego, la coscienza mortale. Lo Yoga insegna che l'anima deve risalire la scala della coscienza per ritornare allo Spirito.

Il segreto della felicità è la consapevolezza della presenza di Dio 

Apprezzare la vita va benissimo; il segreto della felicità sta nel non non attaccarsi ad alcuna cosa. Godete del profumo del fiore; ma vedete Dio in esso. Io ho conservato la coscienza dei sensi solo perché, usandoli, potessi sempre percepire Dio e pensare a Lui. "I miei occhi sono fatti per vedere la Tua bellezza ovunque. Le mie orecchie sono fatte per udire la Tua onnipresente voce." Questo è Yoga, unione con Dio. Non è necessario andare nella foresta per trovarLo. Le abitudini terrene ci terranno incatenati dovunque siamo, finché non ci saremo liberati di esse. 

Commenti