La felicità sta nel rendere felici altre persone ...




 La sofferenza, dunque, non è opera di Dio, ma della forza satanica di maya, l'illusione. Tale forza crea quell'ignoranza che rende gli uomini ciechi alle conseguenze delle proprie azioni, che li fa errare in modo da attirare su di sé la sofferenza. Quelli che stanno combattendo in Spagna, sia nelle forze governative che in quelle opposte, pensano di fare una cosa giusta. L'unico modo di evitare l'errore è quello di sviluppare la saggezza discriminante per sapere cosa è male, e decidere di non farlo. Un male che combatte un altro male non crea un bene. Il vero nemico dell'uomo è l'ignoranza. Essa deve essere bandita da questa terra.

Oggi nel mondo abbiamo tutto ciò che è necessario per raggiungere la perfezione. Solo l'egoismo dell'uomo rende ciò impossibile. Tremende, inutili sofferenze sono prodotte dall'imprevidente interesse egoistico dell'uomo. Denaro che potrebbe vestire e nutrire i bisognosi viene usato invece per la distruzione. La causa prima delle afflizioni del mondo è questo egoismo nato dall'ignoranza. Ogni persona crede di essere nel giusto; ma quando cerca di soddisfare solo il proprio interesse, mette in moto la legge karmica di causa-effetto che, inevitabilmente, distruggerà la sua felicità e quella altrui.

Quante più tragedie, causate dall'ignoranza umana, vedo nel mondo,  tanto più mi rendo conto che, anche se tutte le strade fossero lastricate d'oro, la felicità non sarebbe duratura. La felicità sta nel rendere felici altre persone, nell'abbandonare l'interesse egoistico per portare gioia agli altri. Se ognuno facesse questo, tutti sarebbero felici e ciascuno avrebbe chi si prende cura di lui. Questo è ciò che intendeva Gesù quando disse: "Fate dunque agli altri tutto ciò che volete che gli altri facciano a voi."

Commenti