CERCATE DI REALIZZARE CHE VOI SIETE QUELLA LUCE DI DIO



LA CONCENTRAZIONE È UN REQUISITO PER TROVARE DIO

Per il progresso spirituale è essenziale sapersi concentrare; senza concentrazione non troverete mai Dio. Imparate a escludere dalla vostra coscienza tutti i suoni e altre distrazioni terrene. Non appena il vostro stato di coscienza è quello giusto, Dio è presente. Egli non si nasconde a voi; siete voi che vi nascondete a Lui. Quando, nella profonda meditazione, vedete una luce interiore, cercate di trattenerla e di sentire che siete in essa, tutt'uno con essa. Dio è là. Cercate di realizzare che voi siete quella luce di Dio. 

Quanta più pace sentirete durante la concentrazione, e quanto più a lungo vi concentrerete, tanto più profondamente entrerete in Dio. Se il tempo dedicato a leggere libri sulla verità spirituale venisse passato in meditazione, avreste un avanzamento assai maggiore, sia mentale che spirituale. Dormite di meno e dedicate più ore alla meditazione; il riposo di cui godrete sarà cento volte più corroborante del sonno.

Fino a che non saprete escludere i suoni dalla vostra coscienza non potrete raggiungere Dio. Per questo i santi hanno cercato l'isolamento in grotte e foreste. Con la pratica dei metodi di concentrazione e di meditazione che vi ho dato, tuffatevi incessantemente nel silenzio interiore e troverete una gran pace e felicità. La Gita dice:"Libero da desideri che alimentano sempre nuove speranze ed ambizioni di possesso, il cuore e la mente controllati (mediante la concentrazione yoga), ritirato da solo in un luogo tranquillo, lo yoghi cerchi costantemente di unirsi all'anima."

Il silenzio della profonda meditazione dovrebbe essere praticato maggiormente in tutte le chiese e in tutti i templi. Tutti dovrebbero parlare di meno. Durante la mia educazione nell'eremitaggio in India, il mio Guru, Swami Sri Yukteswar, ci teneva lezione solo ogni tanto. Per la maggior parte del tempo sedevamo intorno a lui senza parlare, concentrandoci interiormente. Se appena ci muovevamo, egli ci rimproverava. Un vero Maestro possiede qualcosa di più di un sapere attinto dai libri, e nella vita spirituale è necessario imparare la saggezza da un tale Maestro, da uno che sa, e sa di sapere, perché non ha imparato la verità dai libri, ma l'ha sperimentata.

Commenti