Dovete trovare la vera pace e la vera felicità entro voi stessi. Le vostre esperienze esteriori siano solo un divertimento per voi.



SONO SEMPRE FELICE.

Pensate! Dei 1500 milioni di persone che muoiono ogni cento anni, ciascuna ha svolto una parte precisa in questo cosmico film. E inoltre, ogni essere umano ha prodotto un "film casalingo" separato, il suo film privato. Se voleste moltiplicare i film di tutte le vite, recitati da quei milioni di esseri, non sareste in grado di contarli. Ma questo spettacolo ha uno scopo: quello di farvi imparare come svolgere le varie parti nel film della vita senza identificare il vostro Sé con la vostra parte. È importante evitare di identificarsi col dolore, con l'ira o con qualsiasi tipo di sofferenza sopravvenga, mentale o fisica. Il modo migliore di separarvi dalle vostre difficoltà è quello di essere mentalmente distaccati, come se foste solo uno spettatore, mentre al medesimo tempo cercate un rimedio.

Non aspettatevi di ottenere pace e felicità incontaminate dalla vita terrena. Questo sia il vostro nuovo atteggiamento: quali che siano le vostre esperienze, godetene in modo obiettivo, come fareste con un film. Dovete trovare la vera pace e la felicità entro voi stessi. Le vostre esperienze esteriori siano solo un divertimento per voi. Potete convertirle tutte in eventi infelici se permettete alla vostra mente di farlo. Potete avere buona salute e non apprezzarla affatto; ma se vi ammalerete, allora saprete apprezzare ciò che significa avere la salute. Dimostrate gratitudine a Dio per quello che vi elargisce, senza aspettare che i rovesci della fortuna ve lo insegnino.

Voi siete un figlio immortale. Siete venuto sulla terra per rallegrare ed essere rallegrato. Per questo la vita dovrebbe essere una combinazione di meditazione e attività. Se perdete il vostro equilibrio interiore, ecco il momento in cui siete vulnerabili alla sofferenza terrena. Non sconsacrate il nome di Dio, dell'Uno nella cui immagine siete fatti. Risvegliate la forza innata della vostra mente affermando: "Quali che siano le esperienze che verranno a me, non possono toccarmi. Sono sempre felice".

...

Imparate a ridere delle difficoltà, ricordando che siete immortali: "Molte volte ucciso, pure io vivo; nato molte volte, pure sono immutabile". Che in questa vita soffriate o sorridiate nell'opulenza e nel potere, la vostra coscienza deve rimanere immutata. Se siete in grado di raggiungere la serenità, nulla vi potrà mai ferire. Le vite di tutti i grandi Maestri dimostrano ch'essi raggiunsero questo stato benedetto.


Commenti