Ezra Pound, 1958: "... SE nessuno protesta ogni libertà sarà perduta."

 Queste poche frasi sono tratte da una RETTIFICA che Pound volle fare al suo rientro in Italia nel 1958 (dopo i 13 anni di prigionia nel manicomio negli Usa) per correggere imprecisioni di giornalisti. 



"Ezra Pound non trasmetteva propaganda dell'Asse. Parlava DA americano su questioni americane. 

...

Non ha mai sostenuto che l'esecutivo non debba MAI oltrepassare i suoi poteri (poteri legali, costituzionali). Credeva che, QUANDO accadono tali eccessi, SE nessuno protesta ogni libertà sarà perduta.  (Pericolo sempre più evidente per un numero crescente di persone.)"

Commenti