I SENTIERI CHE CONDUCONO ALLA LIBERAZIONE DAI CICLI DELLE RINASCITE




 Colui che percepisce intuitivamente le mie divine manifestazioni e azioni vibratorie, nella loro realtà di armonici principi creativi, non rinasce dopo la morte; egli Mi raggiunge, o Arjuna!

Purificati dalla saggezza ascetica, liberatisi da attaccamenti, paura e ira, assorti e immersi in Me come loro unico rifugio, molti esseri hanno raggiunto la mia stessa natura.

O Partha (Arjuna), secondo il modo, qualunque esso sia, in cui gli uomini Mi offrono la loro devozione, Io mi manifesto a loro. Tutti gli uomini, in tante maniere diverse (di cercarmi), seguono un cammino che conduce a Me.

Desiderando i risultati delle proprie azioni qui sulla terra, gli uomini adorano gli dei (i vari ideali); nel mondo degli uomini, infatti, il successo derivante dalle azioni si ottiene rapidamente.

Io ho creato le quattro caste in base ai diversi attributi (guna) e ai diversi tipi di azione (karma). Sebbene Io ne sia l'artefice, sappi tuttavia che sono Colui che non agisce, al di là di ogni mutamento.

In Me le azioni non causano attaccamento, né Io nutro alcun desiderio per i loro frutti. Colui che si identifica con Me, colui che conosce la mia natura, è anch'egli libero dai vincoli karmici dell'azione.

Consapevoli di questa verità, i saggi che aspiravano alla salvezza, fin dall'origine dei tempi, hanno compiuto azioni doverose. Agisci dunque anche tu per dovere, proprio come fecero gli antichi delle epoche passate.

Commenti