Vittorio Marchi: "Siamo onde che non sanno di essere oceano".


 

"Siamo onde che non sanno di essere oceano".  

Questa frase di Vittorio Marchi  ci ricorda che non siamo per niente consapevoli delle enormi potenzialità dell'Essere Umano.  Paghiamo purtroppo a caro prezzo questa ignoranza, subdolamente incoraggiata e facilitata dal sistema di dominio delle popolazioni. 

Riusciremo a contrastare l'arroganza dei potenti quando finalmente acquisiremo anche solo quel minimo di consapevolezza che ci permetta di capire che nasciamo con diritti naturali INALIENABILI:  non possono essere limitati o sottratti da nessuna autorità costituita.

La libertà individuale e il diritto ad una vita dignitosa che ci permetta di realizzarci come Esseri Umani rientrano tra i nostri diritti elementari. L'Umanità nel suo insieme è co-proprietaria (con ogni altro essere vivente)  di tutte le risorse che Madre Natura ci mette a disposizione gratuitamente e in maniera continua ed abbondante.  

Qualcuno ha in origine risolto per noi ogni problema.

Cerchiamo di comprenderlo e riprendiamoci la nostra libertà. Siamo  il Popolo sovrano: dobbiamo solo iniziare ad esercitare la nostra sovranità.



Commenti