a:link {color:red;}a:visited {color:purple;}
freddie-collins-309833
PAOLO MALEDDU
PAOLO MALEDDU

Per maggiori informazioni, puoi scrivere a:

paolo.maleddu@gmail.com

+39 3496107688

Il Blog

La moneta è uno straordinario strumento di creazione e distribuzione di benessere per tutta l'Umanità. Non può esserlo solo per una esigua schiera di Usurai malati di delirio di onnipotenza.


05/04/2018, 05:01



I-SEGRETI-DEL-LIBRO-ETERNO---IL-SIGNIFICATO-DELLE-STORIE-DEL-PENTATEUCO----GENESI---IL-QUARTO-GIORNO


 ... percepire l’anima immortale dietro ai corpi mortali ...




Quarto Giorno

"E Dio disse: ’Che ci siano luci nel firmamento del cielo per dividere il giorno dalla notte; siano segni per le stagioni, per i giorni e per gli anni; che ci siano luci   nel firmamento del cielo per illuminare la terra’. E così fu. E Dio creò le due   grandi luci: la maggiore per governare il giorno e la minore per governare la 
 notte; e le stelle. E Dio le pose nel firmamento del cielo per illuminare la terra e per governare il giorno e la notte e per separare la luce dalle tenebre; e Dio vide che era cosa buona. E fu sera e fu mattina, quarto giorno".

Promemoria: l’essere umano (Adamo) dentro di te non è ancora nato. Questo brano parla solamente della creazione dell’ambiente per la sua nascita e la sua vita.
Che cos’è "l’ambiente"? Sono le forze del Creatore che influenzeranno la persona. Esse esistono solamente per condurci verso lo scopo della Creazione: l’unione con il Creatore e la felicità eterna.
Quindi quali forze sono state rivelate nel quarto Giorno?
"E Dio disse: ’Che ci siano luci nel firmamento del cielo per dividere il giorno dalla notte’".
Le luci servono per governare "la notte" e "il giorno" -  gli stati che una persona deve affrontare nel cammino verso il Creatore. Scommetto che hai già avuto periodi di continue ascese e discese - questi periodi sono "il giorno e la
notte" di cui stiamo parlando.

"Il giorno" si riferisce all’ascesa, quando ti senti colmo della certezza di essere sulla strada giusta, tutto teso a pregustare l’immagine delle porte del mondo spirituale che si stanno per aprire davanti a te.
"La notte" è la discesa, quando niente porta gioia ed il mondo spirituale sembra non esistere o essere una finzione e allora ti domandi, "Perché sto sprecando la mia vita in queste cose senza senso?"

È il tuo ego che ti colpisce con queste domande. L’ego trova il momento perfetto per attaccarti, perché sa che se resisterai ed entrerai nella dimensione spirituale, sfuggirai al suo controllo. Naturalmente l’ego non vuole che ciò accada, quindi
certe domande abbondano: "Per chi lavori?" "Lo puoi almeno vedere?" "Dov’è la tua logica?" "Guardati intorno, le persone conducono una vita pacifica e piacevole, mentre tu ti stai impegnando per un obiettivo irrealizzabile!"

Devo andare avanti?

C’è una sola cosa che posso suggerirti: quando la "notte" scende, fa in modo da essere circondato da persone come te, persone che stanno cercando il cammino verso il mondo spirituale. Gli amici che hanno lo stesso tuo obiettivo sosterranno i colpi del tuo ego e tu ti renderai conto che da solo sei indifeso, mentre insieme ad altri, puoi resistere.
Un altro utile consiglio è di andare a dormire. Cosa vuol dire "andare a dormire"? Significa disconnetterti dalle domande fastidiose, tagliarle fuori e non voltarti. Tu "dormi" in questi momenti. Beh, fuori comunque è buio. Distenditi e dormi, in 
 modo che la tua testa (i pensieri, i calcoli) ed il corpo (i desideri) saranno sullo stesso livello, come succede negli animali. In sostanza non lasci entrare nulla.

È come se tu ti cancellassi, ti annullassi, aspettando con calma di mettere insieme le forze. Non pensare a niente, non fare azioni o movimenti,  giustamente. Sai che il mattino è proprio dietro l’angolo.

"Mattino" significa una nuova ascesa, una via d’uscita dallo stato di discesa.

Potresti chiedere "Perché il Creatore ci manda queste ascese e discese? Non avrebbe potuto donarci tutto il bene, come ha comunque progettato di fare alla fine, anticipando così tutte le sofferenze ed i dubbi?"
Beh, Egli ci manda questi stati perché senza di essi non ci sarebbe alcun avanzamento, poiché il progresso è possibile solamente attraverso un continuo cambiamento di stati.
Solo con il superamento delle difficoltà nasce la vera persona, il vero "uomo". Ripeto, parliamo sempre di quello che succede dentro e anche qui abbiamo "uomo" e "donna". Questo concetto si riferisce "all’uomo interiore" (Ebraico Gever, dalla parola Hitgabrut - superare).

Cosa succederebbe se tu dessi ad un bambino tutto quello che vuole? Non si svilupperebbe ma crescerebbe viziato, capriccioso, egoista e senza empatia. Saresti felice di un bambino del genere? Questa è la ragione per cui una persona deve
vivere tutto ciò a cui è destinata. Ogni anima ha un suo percorso unico per arrivare all’Obiettivo.
E, ancora, se il Creatore ti avesse messo subito in uno stato piacevole, ti avrebbe schiacciato con la Sua Luce. Saresti stato privato di ogni libera scelta, essendo diventato uno schiavo di questa condizione. Chi rifiuterebbe la felicità assoluta?!
Ma il Creatore non vuole uno schiavo della Luce. Egli vuole un amico, un uguale e puoi diventarlo solamente se attraverserai tutti gli stati e sceglierai il Creatore di tua spontanea volontà.

Il tuo compito è di percepire l’anima immortale dietro ai corpi mortali, dopo di che tutte le tue domande scompariranno all’istante; allora vedrai il bene che emana dal Creatore e il Suo particolare atteggiamento verso ciascuna anima. Egli è con noi sempre; dobbiamo solamente avere fiducia nella Sua guida, come un bambino che presta attenzione ai consigli del suo amorevole papà. Il bambino sa che può fare affidamento in ogni caso sul suo papà e si affida alle sue attenzioni.

C’è una ragione per cui le luci che separano il giorno dalla notte, cioè i miei stati, sono nei cieli. "...e che fungano da luci nel firmamento del cielo per illuminare la terra".

Il cielo si riferisce alla qualità del donare, la qualità del Creatore. Poiché le Luci nel firmamento del cielo "illuminano la terra" (i desideri egoistici), i desideri egoistici sono soggetti al "cielo", alla qualità altruistica che è dentro di noi.

"E Dio le pose nel firmamento del cielo per illuminare la terra e per governare il giorno e la notte e per separare la luce dalle tenebre; e Dio vide che era cosa buona".
Ne consegue che solamente le "luci nel firmamento dei cieli" influenzano il cambiamento dei nostri stati, separandoli: "... e per governare il giorno e la notte e per separare la luce dalle tenebre".

Ripetiamolo ancora una volta: il testo Biblico descrive la struttura dell’universo nel quale Adamo risiederà. Adamo è l’essere umano che è in te. Il firmamento, la terra e le luci, tutto si riferisce alle qualità egoistiche ed altruistiche all’interno  delle quali egli esisterà.
Il Creatore spingerà l’essere umano verso la conquista del mondo spirituale. Per raggiungere questo fine, hai bisogno di identificarti con le tue qualità interiori, con "l’essere umano" che è in te. Se ce la farai, attraverserai tutti gli stati che sono
davanti a te insieme a Lui. Le "notti" e i "giorni", le "mattine" e le "sere" sono stati spirituali che hanno lo scopo di condurti verso l’infinito, verso la vita nel Mondo Superiore.

"...e siano segni per le stagioni, per i giorni e per gli anni". Ogni volta che si parla di tempo, ci dobbiamo astenere dall’immaginare i giorni, i mesi e gli anni in senso materiale, in quanto non esiste il tempo nel mondo spirituale. Come potrebbe mai esistere il tempo nell’infinito?!  Sei già connesso all’anima eterna ed immortale, quindi che senso ha il concetto di tempo?! Non esiste il tempo ma solo il cambiamento di stati nel percorso che sale lungo la scala spirituale.

"Giorno" rappresenta uno stato in divenire - ascesa e discesa per la durata di un livello ( "mattino", "giorno" e "sera"sono tutti "un giorno"), prima di passare al livello successivo.

Hodesh  (mese) deriva dalla parola Hidush  (rinnovamento) - il ritorno ad uno stato precedente su un livello più elevato, rinnovato e più avanzato, dopo avere superato trenta ascese e discese. Ogni volta ti viene dato del lavoro in più da fare con
il tuo egoismo e questo ti fa cadere e rialzare, per poi continuare l’ascesa sulla scala spirituale.

Shanah  (anno) deriva dalla parola  Lishot  (ripetere), è inteso quale movimento lungo una spirale che ritorna allo stesso stato ma su un livello più elevato. Comunque sia, l’ascesa è costante.
"Giorni", "mesi" e "anni" sono tutti in te. Li "vivi" correggendo desideri egoistici nuovi e sempre più ostici.
Alcuni richiedono un "giorno" per essere corretti, altri un "mese" oppure un "anno". Ad ogni modo la direzione punta invariabilmente verso l’alto.


1

PAOLOMALEDDU.COM @ ALL RIGHT RESERVED 2018

INFO COOKIE POLICY | TERMINI DI SERVIZIO

Articoli correlati

Enthusiastically visualize adaptive catalysts for change whereas cross functional e-services.
Credibly negotiate efficient testing procedures rather than multifunctional innovation. ​

I SEGRETI DEL LIBRO ETERNO - IL SIGNIFICATO DELLE STORIE DEL PENTATEUCO - GENESI - IL QUARTO GIORNO

05/04/2018, 05:01

I-SEGRETI-DEL-LIBRO-ETERNO---IL-SIGNIFICATO-DELLE-STORIE-DEL-PENTATEUCO----GENESI---IL-QUARTO-GIORNO

... percepire l’anima immortale dietro ai corpi mortali ...

Create a website