a:link {color:red;}a:visited {color:purple;}
freddie-collins-309833
PAOLO MALEDDU
PAOLO MALEDDU

Per maggiori informazioni, puoi scrivere a:

paolo.maleddu@gmail.com

+39 3496107688

Il Blog

La moneta è uno straordinario strumento di creazione e distribuzione di benessere per tutta l'Umanità. Non può esserlo solo per una esigua schiera di Usurai malati di delirio di onnipotenza.


01/05/2018, 02:01



LA-GRANDE-TRUFFA----LA-MONETA-E’-IL-CERTIFICATO-DEL-LAVORO-SVOLTO--:--EZRA-POUND


 LA MONETA E’ UN TITOLO DI RICHIESTA PER OTTENERE BENI REALI E SERVIZI



LA MONETA    Cap. II

Utilizzata come mezzo di scambio, assume un’altra funzione molto importante, ma con risvolti negativi: diventa anche contenitore di valore.
La funzione della moneta è quella di facilitare gli scambi di merci all’interno
della comunità, per il conseguimento di una onesta economia che faccia
giungere a tutti i componenti della società i mezzi di sostentamento necessari.
Il baratto non riusciva, per ovvi motivi, a portare a compimento tutti gli scambi: se oggi un pescatore di Cabras dovesse aver bisogno di energia elettrica per la sua abitazione, non riuscirà ad ottenerla portando qualche chilo di muggini all’Enel. Dovrà prima vendere il pescato e trasformarlo in denaro, il mezzo di scambio che gli permetterà di avere l’energia elettrica desiderata.
Il pescatore monetizza il pescato. La moneta diventa un credito vantato nei
confronti della società, una richiesta di merci in cambio di qualcosa che egli già ha dato alla comunità. Il mezzo di scambio incorpora il valore ottenuto con la vendita dei pesci (il lavoro del pescatore), sino al momento della cessione, una settimana, un mese o un anno dopo.
Diventa deposito di ricchezza, contenitore di valore e potere d’acquisto.
È un credito che il pescatore vanta nei confronti della società intera, che potrà
riscuotere quando riterrà opportuno. Dal momento che esiste un credito deve
esistere anche un debito equivalente: il "debitore" verrà individuato all’interno della comunità nel momento in cui il denaro sarà speso.
Se il pescatore comprerà frutta, il fruttivendolo sarà il debitore che, appena
riceverà il denaro, si trasformerà in nuovo creditore nei confronti della società.

"La moneta è un titolo di richiesta per ottenere beni reali e servizi", è la
definizione di Gertrude Coogan nel suo "I creatori di moneta", scritto nel lontano 1935 ma sempre attuale.

Ancora Massimo Fini:

"Il denaro è una promessa . . .Chi detiene il denaro è in possesso di una
promessa che qualcuno, per il momento indefinito, farà qualcosa per lui (gli
fornirà una merce, un servizio, etc. )."

Per Ezra Pound, poeta americano amante dell’Italia che scriveva di
economia, la moneta è il "certificato del lavoro svolto".

"Il denaro è un mandato, un titolo quantitativamente determinato... Il denaro
è un titolo quantitativamente determinato, consegnato dall’acquirente al
venditore contro la consegna di beni, senza che occorra altra formalità ...

Il denaro è valido quando il pubblico riconosca che conferisce un diritto, e
quando si consegnino merci o servizi nella quantità determinata dal valore
stampato sul "biglietto", sia esso di metallo o di carta.
Il denaro è un biglietto generico, e solo in ciò differisce da un biglietto
ferroviario o da un biglietto di teatro."
Sintesi e chiarezza sono le qualità di chi scrive poesia, e le definizioni del
poeta economista, prezioso maestro per chi voglia addentrarsi nella materia
monetaria, sono sintetiche ed illuminanti.

L’autore catalano Joaquin Bochaca nel suo "El enigma capitalista":

"Il Denaro è niente di più che un mezzo utilizzato come calcolatore e misuratore della ricchezza. Essendo un mezzo di scambio, il suo valore viene dalla sua accettazione. Charles A. Lindbergh, Sr., lo definì come "qualcosa che è giunto a tal punto di accettazione che non ha importanza di che metallo sia fatto né perché la gente lo desideri, dal momento che nessuno rifiuterà di prenderlo in cambio di merci o servizi". Si è anche detto che il Denaro è come un biglietto universale. Un’impresa teatrale, una ferroviaria, o di autobus urbani, emettono i loro biglietti, il cui possesso dà diritto ad utilizzare i servizi di tali aziende. Bene, il denaro è, ripetiamo, un biglietto universale o, detto in altro modo, una richiesta del suo possessore verso i suoi concittadini; una richiesta la cui origine è, precisamente, un lavoro che è stato fatto in favore della comunità.
Però la migliore definizione la dà Sir Arthur Kitson quando dice: "Il Denaro è il Niente che si ottiene per Qualcosa prima che si possa ottenere per qualsiasi cosa". Esaminiamola: il Denaro è il Niente, cioè, un pezzo di carta, il cui valore intrinseco è nullo. Si ottiene per Qualcosa, cioè, per un lavoro svolto per la comunità, e con esso si può ottenere qualsiasi cosa appartenente a detta comunità.
Abbiamo detto che il Denaro è un mezzo di scambio: più esattamente, è il mezzo di scambio.
Tutti i produttori impegnano il loro tempo ed energia nello proporzionare beni e servizi utili alla comunità. In cambio, ricevono denaro, che è come una rivendicazione su beni che altri hanno prodotto. Essendo lo strumento di scambio, il denaro passa ugualmente ad essere lo strumento della misura. Il denaro misura la ricchezza di una comunità, esattamente allo stesso modo che il metro misura la lunghezza ed il chilogrammo i pesi. Partendo da quell’indiscutibile principio, il valore di una moneta deve rimanere stabile".

Joaquin Bochaca ha aggiunto l’altra importante caratteristica che completa la
definizione di moneta: è l’unità di misura del valore.

Da mezzo di scambio a contenitore e misura del valore il passo è stato breve, ma le diverse implicazioni sono molto importanti.
In quanto deposito di valore con potere d’acquisto, il denaro ora si può
identificare con la ricchezza, diventa un bene materiale (quasi) con vita propria. Il quasi è d’obbligo perché bisogna sempre tenere a mente che il suo valore è condizionato dall’esistenza di beni e dall’accettazione da parte di altre persone.
Le banconote stampate dal governatore sull’isola deserta di Malu Entu sono falso denaro sia perché non hanno un valore originato da un lavoro o un servizio reso, sia perché non possono facilitare scambi di merci non essendoci sull’isola altre persone che accettandole in pagamento le riconoscano come moneta.
I soldi del pescatore di Cabras hanno valore per l’esistenza dei  muggini, pescati (lavorati) e  venduti come bene all’interno della comunità.

Teniamo sempre a mente questo che in materia monetaria è un dogma
indiscutibile: la quantità di mezzi di scambio, la moneta, deve essere in
equilibrio con la quantità di beni materiali da scambiare.

Perché si possa parlare di una sana ed onesta moneta, ad ogni titolo di richiesta deve corrispondere un bene od un servizio disponibile. Se c’è un eccesso di richieste rispetto ai beni in vendita, è chiaro che non tutte potranno essere soddisfatte, e si crea quel fenomeno chiamato inflazione. Di conseguenza, i prezzi delle merci salgono insieme alla domanda, e i titoli di richiesta subiscono una svalutazione: ne occorrono di più per comprare lo stesso numero di beni. L’aumento dei prezzi non è l’inflazione, ma solo la sua conseguenza.
I beni possono essere merci o servizi.
Il pescatore con i soldi dei pesci può comprare una giacca nuova o pagarsi una visita medica, un servizio. Il medico a sua volta con i soldi ricevuti in cambio del proprio lavoro, può comprare pane e pasta al supermercato o il lavoro di un elettricista che gli sistemi l’impianto elettrico.
Solo il lavoro e le merci da scambiare giustificano l’esistenza della moneta,
che in loro assenza non avrebbe ragione di essere.


1

PAOLOMALEDDU.COM @ ALL RIGHT RESERVED 2018

INFO COOKIE POLICY | TERMINI DI SERVIZIO

Articoli correlati

Enthusiastically visualize adaptive catalysts for change whereas cross functional e-services.
Credibly negotiate efficient testing procedures rather than multifunctional innovation. ​

LA GRANDE TRUFFA - LA MONETA E’ IL CERTIFICATO DEL LAVORO SVOLTO : EZRA POUND

01/05/2018, 02:01

LA-GRANDE-TRUFFA----LA-MONETA-E’-IL-CERTIFICATO-DEL-LAVORO-SVOLTO--:--EZRA-POUND

LA MONETA E’ UN TITOLO DI RICHIESTA PER OTTENERE BENI REALI E SERVIZI

Create a website