a:link {color:red;}a:visited {color:purple;}
freddie-collins-309833
PAOLO MALEDDU
PAOLO MALEDDU

Per maggiori informazioni, puoi scrivere a:

paolo.maleddu@gmail.com

+39 3496107688

Il Blog

La moneta è uno straordinario strumento di creazione e distribuzione di benessere per tutta l'Umanità. Non può esserlo solo per una esigua schiera di Usurai malati di delirio di onnipotenza.


15/07/2018, 19:27



L’ORIGINE-DI-OGNI-NOSTRO-PROBLEMA-ECONOMICO-:-LA-CREAZIONE-DI-DENARO-DA-PARTE-DEI-BANCHIERI-PRIVATI


 SPLENDIDA SPIEGAZIONE DI MAURIZIO BLONDET DI INFLAZIONE E, SOPRATTUTTO, DEI PERVERSI MECCANISMI DI INDEBITAMENTO DEGLI STATI DA PARTE DELLE BANCHE



Rileggendo dopo anni il libro di Maurizio Blondet  "SCHIAVI DELLE BANCHE", tra i numerosi spunti importanti proposti dall’autore, vorrei riproporre qui di seguito, diviso in più post, il capitolo LA FABBRICA DELL’INFLAZIONE. Oltre al tema indicato dal titolo, c’è una eccellente esposizione dei meccanismi con cui le grandi banche internazionali avvolgono, specialmente i Paesi del Terzo Mondo, in una spirale di debito inestinguibile.
Una lettura molto utile.

LA FABBRICA DELL’INFLAZIONE   -  Prima parte

Quando una categoria di lavoratori produttivi chiede un aumento di salario, dal sistema si leva sempre qualche voce - di solito quella di autorevoli economisti - che mettono in guardia dall’inflazione che questi aumenti possono provocare. Quando la massaia scopre al mercato che le zucchine sono rincarate, i giornali denunciano l’avidità dei fruttivendoli che col loro egoismo provocano l’inflazione, e invocano il controllo dei prezzi, e punizioni esemplari; i fruttivendoli additano i grossisti, i veri colpevoli; ma costoro lamentano le alte spese di trasporto e distribuzione. Infine la colpa ricade sui contadini - e questi, poveretti, dimostrano che loro hanno venduto le loro zucchine a prezzi calanti, mentre hanno dovuto pagare di più i concimi chimici, i diserbanti, le sementi. Allora il marito della massaia chiede un aumento - non da solo, ma come categoria, perché la vita rincara e lui non ce la fa ad arrivare a fine mese: e l’economista di turno lo accusa. Ecco chi accende l’inflazione.
Quante volte abbiamo visto inscenare questa commedia? Questo teatrino del circolo vizioso, in cui le categorie produttive e consumatrici si accusano l’un l’altra di provocare l’inflazione, di fare ingiusti profitti?
Non c’è da escludere che, temporaneamente e in modo parziale, una o l’altra categoria davvero speculi, incameri profitti non dovuti, approfittando di momentanei intoppi del mercato, di certe aree di privilegio, di parassitismo. Ma in linea generale, nel gran litigio recitato sulla scena sociale, il vero colpevole non appare mai. E’ per questo che il teatrino viene inscenato.
Il colpevole dell’inflazione è il sistema bancario. 
Il trucco richiede una spiegazione abbastanza lunga. Ma non vi annoierà: finalmente, non è il teatrino. 

Tutto comincia quando voi mettete nel vostro conto corrente 100 euro, diciamo, che avete risparmiato. Grazie a questo deposito, la banca può prestare all’industriale che ne ha bisogno, mille euro: è il meccanismo del credito frazionale, di cui abbiamo già parlato. Il miracolo consiste in questo: la banca presta denaro che non ha, che crea dal nulla, e ci lucra gli interessi. 
la banca può scrivere quei mille euro, nei suoi libri contabili, come attivo, perché ci guadagna gli interessi, e un giorno, magari, se lo vedrà ripagare.  Nello stesso tempo, la contabilità le impone di segnare una cifra identica, mille euro, come passivo.  Ciò perché la moneta creata dal nulla è ora in circolazione, l’imprenditore indebitato emette assegni su quel fido, e questi assegni saranno presentati all’incasso: la banca dunque ha un debito potenziale uguale al suo attivo.  Questa passività viene coperta dal debitore con i suoi versamenti periodici per servire il debito che ha contratto.
Di fatto, accade qualche volta - accade tutti i giorni - che l’indebitato non possa pagare, fallisca, diventi insolvente. In quel caso, la banca è costretta a registrare quel prestito andato a male alla voce perdite. Non è, diciamolo subito, una tragedia: poiché il 90% del denaro scritto nel fido è stato creato dal nulla, e non costa niente alla banca parte le spese di tenuta della contabilità, ben poco valore reale è realmente perduto.  E’ soprattutto una voce di contabilità. 
Ma una perdita contabile è pur sempre un male per la banca, perché il prestito andato a male deve essere sottratto dalla colonna degli attivi, senza una corrispondente sottrazione alla voce passivi. Il passivo rimane, e la moneta creata dal nulla è in circolazione, e gli assegni vengono via via all’incasso, anche se il debitore è fallito. E la banca ha il dovere di onorare quegli assegni. 
Il solo modo di pagarli, è prendere denaro dal capitale della banca - quello che ci hanno messo i suoi azionisti - o dai suoi profitti. 
Nell’uno e nell’altro caso, sono i padroni della banca a perdere quei mille euro. E per loro, la perdita è reale. Anzi, se la banca ha fatto troppi prestiti avventati, e troppi dei suoi debitori risultano insolventi, può accadere che il passivo superi l’intero capitale che i suoi azionisti hanno investito nella banca. In quel caso, la banca fallisce.
E’ un vero dolore, per i padroni. Un dolore così forte, che l’intero sistema bancario è collegato per scongiurarlo. No, i padroni non possono perdere. La banca non può fallire. Per questo esiste la Banca Centrale:  prestatore di ultima istanza, garanzia che nessuna banca soffra il fallimento, e i suoi padroni una perdita. La Banca interviene, se c’è questo rischio. A noi si dice: interviene per assicurare che i risparmiatori non perdano i loro depositi. 
Il fatto è che ogni banchiere sa che non gli sarà permesso fallire, e perciò non dovrà rendere conto dei suoi prestiti più folli. E’ per questo motivo che le banche, severissime quando si tratta di prestare 50 mila euro al bottegaio dell’angolo o al lavoratore come mutuo per la casa, sono generosissime quando si tratta di prestare milioni di euro, anzi miliardi, a Parmalat, alla Fiat, allo Stato. Aprire un piccolo prestito costa come avanzare un miliardo di dollari dall’Argentina o dalla Fiat, e fa guadagnare meno interessi.  E se la Fiat non paga, se rimane in arretrato l’Argentina, è l’intervento della Banca Centrale  a salvare il banchiere improvvido, con la scusa che bisogna salvare il sistema; se diventa insolvente l’operaio col mutuo, nessun intervento pubblico lo soccorrerà. 
Così, la banca presta volentieri agli Stati, allo Stato, a Parmalat, pur sapendoli insolventi. Per capire come mai, bisogna ricordare una cosa: alla banca non interessa che il grande debitore estingua il debito, che restituisca rata su rata tutto il capitale. Quel capitale è al 90 per cento denaro creato dal nulla, e al 10% sono soldi vostri, il vostro deposito. Non è della banca, è vostro, e alla banca non interessa nulla. Quando un debitore estingue il suo debito e restituisce il capitale, per la banca è una noia: ora deve trovare qualche altro da indebitare. Quel che conta, per la banca, è che il debitore continui a pagare gli interessi, magari in eterno. 
Perché la banca lucra lì. Perché finché il debitore paga gli interessi, la banca può mantenere il prestito che gli ha fatto alla voce attivi.
 


1

PAOLOMALEDDU.COM @ ALL RIGHT RESERVED 2018

INFO COOKIE POLICY | TERMINI DI SERVIZIO

Articoli correlati

Enthusiastically visualize adaptive catalysts for change whereas cross functional e-services.
Credibly negotiate efficient testing procedures rather than multifunctional innovation. ​

L’ORIGINE DI OGNI NOSTRO PROBLEMA ECONOMICO : LA CREAZIONE DI DENARO DA PARTE DEI BANCHIERI PRIVATI

15/07/2018, 19:27

L’ORIGINE-DI-OGNI-NOSTRO-PROBLEMA-ECONOMICO-:-LA-CREAZIONE-DI-DENARO-DA-PARTE-DEI-BANCHIERI-PRIVATI

SPLENDIDA SPIEGAZIONE DI MAURIZIO BLONDET DI INFLAZIONE E, SOPRATTUTTO, DEI PERVERSI MECCANISMI DI INDEBITAMENTO DEGLI STATI DA PARTE DELLE BANCHE

Create a website