a:link {color:red;}a:visited {color:purple;}
freddie-collins-309833
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 

12/08/2018, 20:11



...-almeno-i-nove-decimi-del-denaro-circolante-in-qualsiasi-Paese-sono-costituiti-da-denaro-falso-...---:-Joaquìn-Bochaca,-La-Finanza-e-il-potere


 ... oggi praticamente tutti gli Stati hanno abdicato la propria sovrana facoltà di battere moneta e l’han fatto in favore di individui o istituzioni private ...



Un altro brano dal libretto (per le dimensioni, ma grande nel contenuto) di Joaquìn Bochaca, 


la finanza e il potere   (minuscolo e corsivo come nell’originale), tratto dal capitolo:


il furto



Il codice penale spagnolo e i codici di tutto il mondo puniscono, con pene che possono arrivare fino all’ergastolo, i falsificatori di moneta. Osiamo supporre che i legislatori non impongano sanzioni così pesanti solo per punire il falsario, il quale ponendo in circolazione banconote false si procaccia beni e servizi senza esserseli guadagnati lavorando, bensì - e soprattutto - perché aumentando fraudolentemente la massa di liquido circolante deruba, indirettamente, tutti i suoi concittadini. La cosa riesce agevolmente comprensibile: quanto maggiore è il denaro circolante - in una data situazione - tanto minore è il suo valore. Se una banda di falsari in grande stile pervenisse, ad esempio, a stampare e diffondere una massa di banconote false pari a quelle a corso legale circolanti sul mercato, ogni cittadino si ritroverebbe automaticamente dimezzato il valore anteriore del suo denaro buono. I falsari sono autentici rapinatori dato che, con l’emissione di moneta falsa - che viene accettata per buona - si appropriano dell’equivalente denaro dei concittadini i quali dovranno per forza compensare di tasca propria il prezzo dei beni e servizi che i suddetti falsari si sono procurati con moneta falsa. 


In effetti, qualsiasi nuova emissione di denaro - chiunque sia a farla - diminuisce il valore di quello già in circolazione. I detentori del denaro che circolava prima della nuova emissione subiscono una perdita evidente; di cui si rendono esatto conto al constatare che i prezzi sono aumentati e, reciprocamente, che il loro danaro vale ora di meno.
Quando si verifica una emissione di n uova moneta? In passato era esclusivamente lo Stato ad avere la facoltà di battere moneta. Esso procedeva ad emissioni a misura che le necessità lo imponevano e, poiché la funzione della moneta non è altra che quella di agevolare il pagamento e lo scambio dei beni e servizi, la massa del circolante si manteneva relativamente stabile, nell’ambito di una determinata situazione economica. Talvolta lo stato procedeva ad emissioni di moneta per destinarla al pagamento di lavori e servizi pubblici, come l’istruzione popolare, le istituzioni sanitarie statali, l’igiene pubblica, l’esercito e la polizia, la pubblica amministrazione ecc. Con l’emissione di questa nuova moneta i cittadini - i detentori del denaro - soffrivano una perdita nel valore unitario della moneta (non si dimentichi mai che maggiore è la massa circolante e minore è il suo valore unitario e tanto più lievitano i prezzi). Epperò tale perdita veniva compensata - almeno in larga misura - dai benefici che, direttamente o indirettamente, la comunità ricavava dai servizi e lavori pubblici realizzati dallo Stato stesso. 


Questo in altri tempi, perché oggi praticamente tutti gli Stati hanno abdicato la propria sovrana facoltà di battere moneta e l’han fatto in favore di individui o istituzioni private: sono questi ultimi ad emettere "legalmente" la stragrande maggioranza della massa circolante, sino al punto da potersi affermare - senza iperboli - che almeno i nove decimi del denaro circolante in qualsiasi Paese sono costituiti da denaro falso. Se l’aggettivo "falso" suonasse troppo urtante, possiamo rimediare chiamandolo denaro ... "astratto". Con due aggravanti: i pittoreschi falsari antico stampo dovevano essere degli imitatori di classe, degli artisti, e correre personalmente grossi rischi; laddove i moderni falsari creano il denaro con un semplice tratto di penna, con una scritturazione contabile, e riscuotono per giunta su questo cosiddetto "danaro" tanto di interesse! Tutto ciò senza rischio alcuno. anzi ... "riscotendo" in sovrappiù il rispetto e la maggiore considerazione da parte del gregge di gonzi sottoposti alla tosatura ... 



1
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Create a website