a:link {color:red;}a:visited {color:purple;}
freddie-collins-309833
PAOLO MALEDDU
PAOLO MALEDDU

Per maggiori informazioni, puoi scrivere a:

paolo.maleddu@gmail.com

+39 3496107688

Il Blog

La moneta è uno straordinario strumento di creazione e distribuzione di benessere per tutta l'Umanità. Non può esserlo solo per una esigua schiera di Usurai malati di delirio di onnipotenza.


01/09/2018, 17:52



"Il-banchiere-non-presta-danaro;-egli-ha-messo-in-circolazione-"promesse-di-pagar-danaro"--...--rappresentanti-una-massa-di-danaro-che-è-il-decuplo-di-quanto-realmente-ha-in-cassa.-E-chi-possiede-dieci-non-può,-né-potrà-mai,-prestare-cento."--:-J.-Bochaca
"Il-banchiere-non-presta-danaro;-egli-ha-messo-in-circolazione-"promesse-di-pagar-danaro"--...--rappresentanti-una-massa-di-danaro-che-è-il-decuplo-di-quanto-realmente-ha-in-cassa.-E-chi-possiede-dieci-non-può,-né-potrà-mai,-prestare-cento."--:-J.-Bochaca


 ... col produrre nuovo danaro il banchiere, alla pari di un volgare falsario, ha rubato un po’ a ciascuno dei suoi connazionali, ottenendo per giunta un interesse su questo danaro rubato ...



Dalla Spiritualità, torniamo purtroppo, ma solo momentaneamente  ... alla civiltà di materia e di macchine ... (Julius Evola) e riprendiamo ad occuparci di moneta, estraendo frasi e concetti dal prezioso libretto pubblicato da Joaquìn Bochaca nel 1979,
 

la finanza e il potere


Questa prima frase è una nota chiarificatrice del commentatore del Gruppo di Ar (editore del libro) che merita di essere riportata per la sua importanza: 

Il valore del danaro deriva dal fatto che esso materializza un servizio, lavoro o altro, reso alla comunità. Per questo dà diritto a godere di beni o servizi che richiedono una pari quantità di lavoro. La "promessa di pagamento" al contrario è una richiesta di beni in nome di un servizio che non si è ancora svolto. Questo comporta la sottrazione di beni e servizi a coloro che hanno compiuto un lavoro utile alla comunità a vantaggio di chi promette, con un semplice scritto, di compierne domani.


Qui riprende il testo di Joaquìn Bochaca:


Il prestito è stato definito come uno scambio di debiti. Il banchiere prende la garanzia  (titolo di proprietà di una casa o fabbrica, per esempio), per la quale si obbliga verso il proprietario; questi, a sua volta, riceve dal banchiere le "promesse di pagamento" o, come si suol chiamarle, il credito, per il cui ammontare - maggiorato degli interessi - rimane obbligato al banchiere. In realtà quanto è accaduto risulta un mero scambio di promesse: la promessa del banchiere di pagare al suo cliente, contro la promessa di questi di rimborsare il prestito più gli interessi. Il cliente dà, in garanzia, i titoli di proprietà della sua casa o fabbrica. Il banchiere non dà un bel nulla. Si potrà obiettare che il banchiere presta il danaro e che esso costituisce la sua garanzia. L’obiezione è assolutamente falsa! Il banchiere non presta danaro; egli ha messo in circolazione "promesse di pagar danaro"(sono queste che effettivamente ha prestato), rappresentanti una massa di danaro che è il decuplo di quanto realmente ha in cassa. E chi possiede dieci non può, né potrà mai, prestare cento. In altre parole, mentre le banche dispongono verso la comunità di garanzie che rappresentano ricchezze reali, quali sono le case, le fabbriche, i fondi, i raccolti ecc., la comunità non dispone, nei confronti delle banche, di alcuna garanzia. Il minimo tentativo che venisse fatto dai creditori di una banca per esercitare le proprie "garanzie" verso di essa, dimostrerebbe come dette "garanzie" non abbiano alcuna consistenza.  Se poi tali creditori dovessero mettere alle strette la banca, porla con le spalle al muro, verrebbero puniti con la perdita di tutti i loro risparmi. La banca chiude gli sportelli, dimostrando che le sue "promesse di pagamento" sono false ... salvo che non intervenga, in soccorso della banca, lo Stato, con una moratoria - moratoria le cui conseguenze saranno che, alla fine dei conti, sarà stata la comunità in blocco a pagare per la banca e le sue false promesse.   


Ma tutto questo equivarrebbe ad anticipare gli avvenimenti ... 


Torniamo all’epoca in cui il banchiere sta prestando il suo credito  (le sue "promesse di pagamento") ai suoi concittadini. Ipotizziamo che i suoi creditori abbiano depositato nella sua banca un miliardo di lire. Il banchiere ha aperto crediti per dieci miliardi di lire, distribuendo ai suoi clienti i libretti di assegni bancari. Questi assegni, che verranno utilizzati per le successive transazioni, rappresentano del danaro creato con un semplice tratto di penna sui registri contabili della banca. Essi giocano esattamente lo stesso ruolo del danaro falso, giacché fanno aumentare le possibilità di acquisto e, per ovvia conseguenza, fanno lievitare i prezzi e svalutano il danaro esistente prima che il banchiere desse inizio alle sue operazioni. In altre parole : col produrre nuovo danaro il banchiere, alla pari di un volgare falsario, ha rubato un po’ a ciascuno dei suoi connazionali, ottenendo per giunta un interesse su questo danaro rubato.


Continua ...






1

PAOLOMALEDDU.COM @ ALL RIGHT RESERVED 2018

INFO COOKIE POLICY | TERMINI DI SERVIZIO

Articoli correlati

Enthusiastically visualize adaptive catalysts for change whereas cross functional e-services.
Credibly negotiate efficient testing procedures rather than multifunctional innovation. ​

"Il banchiere non presta danaro; egli ha messo in circolazione "promesse di pagar danaro" ... rappresentanti una massa di danaro che è il decuplo di quanto realmente ha in cassa. E chi possiede dieci non può, né potrà mai, prestare cento." : J. Bochaca

01/09/2018, 17:52

"Il-banchiere-non-presta-danaro;-egli-ha-messo-in-circolazione-"promesse-di-pagar-danaro"--...--rappresentanti-una-massa-di-danaro-che-è-il-decuplo-di-quanto-realmente-ha-in-cassa.-E-chi-possiede-dieci-non-può,-né-potrà-mai,-prestare-cento."--:-J.-Bochaca"Il-banchiere-non-presta-danaro;-egli-ha-messo-in-circolazione-"promesse-di-pagar-danaro"--...--rappresentanti-una-massa-di-danaro-che-è-il-decuplo-di-quanto-realmente-ha-in-cassa.-E-chi-possiede-dieci-non-può,-né-potrà-mai,-prestare-cento."--:-J.-Bochaca

... col produrre nuovo danaro il banchiere, alla pari di un volgare falsario, ha rubato un po’ a ciascuno dei suoi connazionali, ottenendo per giunta un interesse su questo danaro rubato ...

Create a website