a:link {color:red;}a:visited {color:purple;}
freddie-collins-309833
PAOLO MALEDDU
PAOLO MALEDDU

Per maggiori informazioni, puoi scrivere a:

paolo.maleddu@gmail.com

+39 3496107688

Il Blog

La moneta è uno straordinario strumento di creazione e distribuzione di benessere per tutta l'Umanità. Non può esserlo solo per una esigua schiera di Usurai malati di delirio di onnipotenza.


20/09/2018, 17:40



"CHI-SONO-IO?---PERCHE’-VIVO?---PER-ME-COSA-CONTA-DI-PIU’--NELLA-VITA?"


 Soldi! Potere! Fama! La TV, la radio ed i giornali ti bombardano con le loro pubblicità ... desideri che non sono tuoi ... dopo ti rendi conto che ti sei sbagliato ... cose suggerite, imposte da qualcun altro.




La Scintilla di Noè


"E Dio guardò la terra e, vide, che era corrotta; poiché ogni mortale aveva corrotto la sua vita sulla terra". Ciò significa che tutti i nostri desideri sono egoistici.
Però riusciamo lo stesso a vedere in mezzo a tutta questa corruzione un certo punto, minuscolo e solitario, che è completamente opposto ad ogni altra cosa sulla terra. Si tratta del "punto nel cuore".
Al primo livello egoistico questo punto si chiama "Noè". Il Noè dentro di noi è il nostro primo desiderio spirituale. Magari è minuscolo e a malapena percepibile ma lo sentiamo già vivere dentro di noi. Così scopriamo Noè.


La scintilla di Noè vive dentro ognuno di noi. Il problema è che noi l’abbiamo cinta con montagne di egoismo, che soffocano la sua debole voce. L’ego, crescendo, ha man mano ricoperto Noè con nuovi strati, seppellendolo con desideri incessanti. La ricerca del piacere ha allontanato l’uomo da Noè, rendendolo più rozzo e più egoista, mentre la voce di Noè diventava sempre più flebile. Alla fine si è sostanzialmente ridotta al silenzio.


Ma Noè non è andato da nessuna parte. Egli è la base dell’anima dell’uomo. A dire il vero, egli è eterno ed aspetta semplicemente il momento in cui l’uomo rivolgerà lo sguardo verso di lui. 
Infatti questo punto che chiamiamo "Noè" è il proprio il centro dei nostri desideri ed è collegato direttamente al Creatore. Inoltre è eterno, mentre i desideri egoistici che lo circondano hanno vita breve, sono passeggeri, vani e vuoti. Solo ciò che aspira all’alto, al mondo spirituale, è eterno e qui è diretto il nostro desiderio conosciuto come "Noè".


Caro lettore, non hai mai avuto la voglia improvvisa di fermare questa corsa sfrenata che chiamiamo "vita", chiudere gli occhi, tapparti le orecchie e sentire il silenzio che è dentro di te? Non hai mai desiderato ascoltare la voce interiore,  libera da influenze estranee? Non hai mai desiderato ascoltare la tua stessa voce e, così facendo, sentirti scomparire da questo mondo, che ti impone i suoi desideri dalla mattina alla sera?


La TV, la radio ed i giornali ti bombardano con le loro pubblicità; le persone, familiari o estranei, ti impongono i loro pensieri e i loro desideri.
Soldi! Potere! Fama! Questo è quello che senti ovunque nel tuo ambiente, fino a quando non incominci a credere che questi sono davvero i tuoi pensieri. Preso dal vortice della vita di tutti i giorni, non riesci più a distinguere se sei tu a volere queste cose o se è qualcun altro.


La tua voce interiore è stata celata, soffocata da tutto ciò che ti circonda. Mentre corri lungo la strada della vita, vieni stimolato da desideri che non sono tuoi. Solo dopo ti rendi conto che ti sei sbagliato, che non avresti mai voluto quelle cose, che ti sono state semplicemente suggerite, imposte da qualcun altro.


Quale grande beatitudine si prova quando si è in grado di fermarsi e di sentire il proprio desiderio, puro e disconnesso dal mondo materiale. Si tratta del desiderio di sperimentare la spiritualità, che nell’Antico Testamento è conosciuto come "Noè". Vive dentro di te, che tu sia il presidente o un assassino seriale.
Se riuscirai a farti strada attraverso il manto di sentimenti e pensieri estranei, infine raggiungerai Noè e sentirai la voce:   "...perché ti ho visto giusto innanzi a Me in questa generazione". 


Se riesci a sentire Noè dentro di te, questa minuscola scintilla altruistica chiamata "Noè il Giusto", a percepire il desiderio di ascendere al di sopra di questo mondo, allora sei pronto per raggiungere la pace, la sicurezza e l’eternità che ti attendono
  sul tuo cammino spirituale.
In caso contrario continuerai a passare ogni momento di veglia perso nella schiavitù dei desideri materiali estranei, che seguiteranno a sussurrarti nelle orecchie "Vai, abbandonati ai piaceri di questo mondo, vivi per te stesso, non essere idiota".


E cosa succede quando cedi a questi desideri? Il corpo diventa fiacco, muore e viene gettato sotto terra a decomporsi. La morte della carne è inevitabile. Un peccato, non è vero? Lavori tutta la vita per il corpo ma alla fine ti tradisce.


E Noè? Noè non ti tradisce perché Noè è il desiderio dell’anima eterna. È connesso all’eternità e se ti collegherai a Noè, anche tu diventerai eterno. È tanto semplice. Tutto quello che devi fare è volerlo. Il libro parla proprio di questo nel capitolo su Noè.
"E la terra era piena di violenza...ed era corrotta; perché ogni uomo aveva pervertito la sua condotta sulla terra". 


Ricordiamo che la parola "terra" (ebr. Eretz) deriva dalla   parola Ratzon desiderio. Perciò, "La terra era piena di violenza" ed "era corrotta" significa che i tuoi desideri sono corrotti: ti sfinisci alla ricerca di ciò che gli altri possiedono, sei un totale egoista, vivi solamente per te stesso. Già senti che questo atteggiamento provoca distruzione dentro di te ed intorno a te (basta guardare quello che sta succedendo nel mondo - lo stiamo facendo a pezzi con il nostro ego). 


Ma davvero non c’è risposta a tutto questo? Certo che c’è. Trova il "Noè" dentro di te e salva la tua vita, come dicono le parole del libro: "Ed ecco, Io li distruggerò con la terra". Segui il consiglio del Creatore, perché Egli è la Mente Divina o Legge Divina e questo è ciò che Egli dice: "Ma con te Io stabilirò la mia alleanza; tu entrerai nell’’arca e con te i tuoi figli, tua moglie e le mogli dei tuoi figli. Di
quanto vive, di ogni carne, introdurrai nell’arca due di ogni specie, per conservarli in vita con te; saranno maschio e femmina. Degli uccelli, secondo la loro specie, del bestiame, secondo la propria specie, e di tutti i rettili del suolo, secondo
la loro specie, due di ognuna verranno con te, per essere conservati in vita".


Cosa vuol dire? Che il mondo intero è dentro di te. Tu sei al livello più alto dell’esistenza, la punta della piramide che comprende tutte le anime animali, vegetali ed inanimate che si trovano sotto di te. Esse sono "legate" a te in quanto tu sei l’unica vera creatura, che ha un’anima e la responsabilità di elevare se stessa ed il mondo intero al livello del Creatore.


Perciò questo capitolo descrive come il desiderio chiamato "Noè", che è dentro di te, accorpa tutte le parti corrette dell’anima (le parti umane, animali, vegetali e persino quelle non corrette che aspirano alla correzione) e questo è il significato di "due di ogni specie" e di "entra nell’arca con loro".


L’arca è una specie di schermo, un campo di forze protettivo che crei intorno a te e che ti aiuta a resistere alle interferenze esterne, cioè a tutte le influenze egoistiche di questo mondo.


Semplicemente tu rifiuti di accettare qualsiasi cosa e neghi ogni contatto con il tuo ambiente. Così facendo, non diventerai un eremita e non abbandonerai la tua famiglia e questo mondo tutto insieme, assolutamente no! Continuerai ad andare al lavoro, ti guadagnerai da vivere e ti occuperai delle tue faccende come sempre ma solo esteriormente. Interiormente proverai con tutte le tue forze a rifiutare l’ingresso nel mondo materiale. Con l’aiuto dell’arca, dello schermo protettivo, cerchi le risposte alle domande "Chi sono io? Perché vivo? Per me cosa conta di più nella vita?".


Non hai ancora trovato la risposta ma continui a cercare e già questo è molto significativo. Ti stai preparando a trovare la risposta e sei sicuro che la tua ricerca avrà successo, poiché il tuo punto nel cuore si è già risvegliato e non ti darà pace un momento. Questo punto mantiene un contatto diretto con il Creatore e, crescendo dentro di te, forma un vaso che è pronto a ricevere la Luce Superiore. Si tratta della voce che senti, che ti sta dicendo che sei sulla strada giusta e che alla fine raggiungerai il Creatore, anche se ancora non Lo percepisci.



1

PAOLOMALEDDU.COM @ ALL RIGHT RESERVED 2018

INFO COOKIE POLICY | TERMINI DI SERVIZIO

Articoli correlati

Enthusiastically visualize adaptive catalysts for change whereas cross functional e-services.
Credibly negotiate efficient testing procedures rather than multifunctional innovation. ​

"CHI SONO IO? PERCHE’ VIVO? PER ME COSA CONTA DI PIU’ NELLA VITA?"

20/09/2018, 17:40

"CHI-SONO-IO?---PERCHE’-VIVO?---PER-ME-COSA-CONTA-DI-PIU’--NELLA-VITA?"

Soldi! Potere! Fama! La TV, la radio ed i giornali ti bombardano con le loro pubblicità ... desideri che non sono tuoi ... dopo ti rendi conto che ti sei sbagliato ... cose suggerite, imposte da qualcun altro.

Create a website