a:link {color:red;}a:visited {color:purple;}
freddie-collins-309833
PAOLO MALEDDU
PAOLO MALEDDU

Per maggiori informazioni, puoi scrivere a:

paolo.maleddu@gmail.com

+39 3496107688

Il Blog

La moneta è uno straordinario strumento di creazione e distribuzione di benessere per tutta l'Umanità. Non può esserlo solo per una esigua schiera di Usurai malati di delirio di onnipotenza.


24/11/2018, 01:43

moneta, controllo mentale, banche, J. Bochaca, interessi bancari



"-...-i-banchieri-sono-diventati-i-padroni-di-tutte-le-ricchezze-del-pianeta.-E,-su-ciò-saldamente-puntellati,-i-padroni-del-potere-politico."
"-...-i-banchieri-sono-diventati-i-padroni-di-tutte-le-ricchezze-del-pianeta.-E,-su-ciò-saldamente-puntellati,-i-padroni-del-potere-politico."


 Joaquìn Bochaca : la finanza e il potere



Continuiamo con brevi brani da "la finanza e il potere", il prezioso libretto di Joaquìn Bochaca pubblicato nel 1979.

il secolo delle ruberie  


                                                                                                

"Esistono due storie: la storia ufficiale, menzognera, che si insegna "ad usum Delphini"; e la storia segreta, in cui si rinvengono le vere cause degli avvenimenti: una storia vergognosa."

                                                                Honoré de Balzac


La banca, che nel secolo scorso pervenne ad un potere decisivo, ha raggiunto nel nostro il dominio assoluto della vita economica: tanto nell’occidente della "libera iniziativa", come nell’oriente "comunista". Oggigiorno, quando si progetta un’impresa qualsiasi, avente o no finalità speculative, la primissima cosa da valutare è il probabile atteggiamento della banca - locale o nazionale, secondo le dimensioni dell’iniziativa - verso l’impresa in oggetto. Ai dì nostri, nulla può intraprendersi, e nulla praticamente durare, senza l’appoggio delle banche. Da semplici esecutori di un servizio finalizzato ad agevolare lo scambio di merci, di detto scambio i banchieri sono diventati, prima, i regolatori; poi, i controllori e infine, praticamente, i padroni di tutte le ricchezze del pianeta. E, su ciò saldamente puntellati, i padroni del potere politico.
Shylock e i suoi correligionari del Medio Evo erano degli innocenti chierichetti a paragone dei maghi della finanza moderna. Alla fin fine, gli usurai di quell’epoca riscotevano fino al trenta e al quaranta per cento di interesse mensile ... Tuttavia non si deve dimenticare che questo interesse, per quanto abusivo, lo si percepiva su del denaro esistente, tangibile, reale e appartenente all’usuraio, il quale correva grossi rischi personali, rappresentati spesso da "pogroms", espropriazioni ed espulsioni. Al contrario i banchieri moderni praticano, grosso modo, la seguente operazione: prendono a prestito del danaro - quello dei loro clienti - per il quale pagano un interesse dello zero virgola cinque per cento.
Questo danaro, lo prestano a loro volta, al nove per cento, il che costituisce un lucro del milleottocento per cento, lucro che non s’è mai ricavato né si ricaverà mai da alcun affare. Sbalordisce constatare che nessun Stato, nessun giudice, nessuna commissione fiscale hanno adottato mai misure per profitti abusivi contro tali commercianti di danaro - e commercianti in regime di monopolio, non lo si dimentichi, - quando invece per un modesto trenta per cento delle ditte sono state chiuse e i titolari sono finiti in carcere. Ma l’abuso bancario non finisce qui : le banche non guadagnano "solo" un 1800%, giacché, come abbiamo esposto, moltiplicano per nove i prestiti creando monete scritturali - moneta falsa, come non ci stancheremo mai di ripetere, - e i loro profitti, consumando questo autentico delitto contro l’umanità, vengono pure moltiplicati per nove. Per ogni cento danari* ricevuti dai loro depositanti, la banca paga a questi un interesse di mezzo danaro, e "riscuote", col prestarne novecento, un interesse del nove per cento, cioè a dire 81 danari, il che equivale ad un profitto del 16.200%.


* Evitiamo di menzionare unità monetarie in corso d’uso per due motivi: perché i "cavalieri" della finanza, per quanto grottesco suoni, usano lamentarsi dei detrattori riparandosi dietro ragioni patriottiche. Così, per esempio, vi son quelli che identificano la salute del dollaro con la Civiltà "Cristiana-Occidentale". Il secondo motivo - che ci ha indotto ad optare per il danaro aspecifico - sta nella circostanza che detta unità monetaria fu quella che servì a pagare le prestazioni di un insigne finanziere, il sig. Giuda Iscariota, al quale è stata eretta una statua a Mosca e l’altra nel Bronx newyorchese, capitale della finanza internazionale.


1

PAOLOMALEDDU.COM @ ALL RIGHT RESERVED 2018

INFO COOKIE POLICY | TERMINI DI SERVIZIO

Articoli correlati

Enthusiastically visualize adaptive catalysts for change whereas cross functional e-services.
Credibly negotiate efficient testing procedures rather than multifunctional innovation. ​

" ... i banchieri sono diventati i padroni di tutte le ricchezze del pianeta. E, su ciò saldamente puntellati, i padroni del potere politico."

24/11/2018, 01:43

"-...-i-banchieri-sono-diventati-i-padroni-di-tutte-le-ricchezze-del-pianeta.-E,-su-ciò-saldamente-puntellati,-i-padroni-del-potere-politico.""-...-i-banchieri-sono-diventati-i-padroni-di-tutte-le-ricchezze-del-pianeta.-E,-su-ciò-saldamente-puntellati,-i-padroni-del-potere-politico."

Joaquìn Bochaca : la finanza e il potere

Create a website