a:link {color:red;}a:visited {color:purple;}
freddie-collins-309833
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 

03/04/2019, 01:43



Moneta--Positiva-:--Fabio--Conditi


 Un grazie a Fabio Conditi e alla sua Associazione Moneta Positiva per il grande contributo che stanno dando alla diffusione de La Grande Truffa della fraudolenta emissione monetaria a debito



Propongo questo ottimo e importante articolo apparso qualche giorno fa su comedonchisciotte.org, pur non essendo d’accordo su tutto ciò che dice : non sono d’accordo sul parlare di interessi e tasse. Il cambiamento deve essere radicale, non un compromesso. 
L’interesse sul denaro è il veleno dell’economia, non ha ragione di esistere e non può essere restituito perché LA MONETA NON GENERA MONETA : "Nummus nummum non parit", diceva oltre 2.000 anni fa Aristotele. L’interesse sul denaro è il Male Assoluto, lo strumento che permette alla Finanza ebraica (e non solo) di dominare il mondo attraverso il debito infinito. La famosa frase del Deuteronomio del Vecchio Testamento spiegava già tutto 2.500 anni or sono :

"... farai prestito a molte nazioni, ma tu non chiederai prestiti; dominerai su molte nazioni, ma esse non domineranno su di te."

Più chiaro di così ...


 Per quanto riguarda le tasse, ugualmente non hanno ragione di esistere in uno Stato Sovrano con una corretta emissione monetaria.

 
Ancora: ottima invece l’osservazione di Fabio Conditi nel video sull’assenza nella nostra tanto vantata Costituzione di un qualsiasi accenno all’emissione monetaria da parte dello Stato. Ne parlerò nel prossimo post, con un estratto de La Grande Truffa al riguardo. 
 Qui di seguito l’articolo e il bel video di Moneta Positiva 


 Stato, Banca d’Italia e signoraggio  


La Banca d’Italia percepisce il signoraggio sulla moneta euro, che dal suo bilancio 2018 corrisponde a circa 6,2 miliardi di euro, ma ne gira allo Stato circa il 90%, pari a circa 5,7 miliardi di euro.


 Il signoraggio è l’insieme dei redditi derivanti dall’emissione di moneta, e spetta al titolare della sovranità monetaria, che nel caso della moneta euro è lo Stato.  

Questo lo stralcio ricavato da pagina 73 del bilancio di Banca d’Italia del 2019 appena pubblicato  http://www.bancaditalia.it/pubblicazioni/bilancio-esercizio/2019-bilancio-esercizio/bil-eserc-2019.pdf 


Bilancio Banca d’Italia 2018 

PROPOSTE DEL CONSIGLIO SUPERIORE 

su proposta del direttorio e sentito il Collegio sindacale, ha deliberato di sottoporre all’approvazione dell’Assemblea il seguente piano di riparto dell’utile netto 2018:


 - alla Riserva ordinaria, la somma di        150.000.000 

- ai Partecipanti, un dividendo pari a         340.000.000 

di cui: da imputare alla riserva ordinaria

 (ex art. 3 comma 4 dello Statuto)               113.025.067

 - alla posta speciale per la 

 stabilizzazione dei dividendi                        40.000.000 

- allo Stato, la restante somma di             5.709.527.895

                                                                         ------------- 

                                           TOTALE           6.239.527.895 


            Il Governatore :   Ignazio Visco 


 Pausa e respira lentamente e profondamente. 


Banca d’Italia percepisce il signoraggio sulla moneta euro, che dal suo bilancio 2018 corrisponde a circa 6,2 miliardi di euro, ma ne gira allo Stato circa il 90%, pari a circa 5,7 miliardi di euro.


 ??? Ma la Banca d’Italia non è privata ?


 Il signoraggio è l’insieme dei redditi derivanti dall’emissione di moneta, e spetta al titolare della sovranità monetaria, che nel caso della moneta euro è lo Stato.  


??? Ma la sovranità monetaria non l’abbiamo persa? 


Se senti un malessere profondo, ti consiglio di fermarti qui e di riprendere la lettura quando ti sarà passata. Se invece il dolore è sopportabile, prosegui. 


 La Banca d’Italia non è privata.


 La Corte Suprema di Cassazione ha dichiarato con sentenza n. 16751 del 21 luglio 2006 che la Banca d’Italia "non è una società per azioni di diritto privato, bensì un istituto di diritto pubblico secondo l’espressa indicazione dell’articolo 20 del R.D. del 12 marzo 1936 n. 375". 


Inoltre il Governatore della Banca d’Italia è nominato con decreto dal Presidente della Repubblica, su proposta del Presidente del Consiglio dei ministri.  

Quindi la Banca d’Italia è un ente pubblico che persegue fini di pubblica utilità. 


Ridurre il debito pubblico è certamente un fine di pubblica utilità, vediamo come si può fare. 


La Banca d’Italia ha acquistato fino ad oggi circa 514 mld di euro di titoli di stato, di cui 393 mld di euro con il QE nell’ambito delle politiche monetarie della BCE, ma 121 mld di euro sono stati acquistati direttamente da Banca d’Italia per finalità di investimento (Bilancio Banca d’Italia 2019 pag.14-15).  


Questi titoli di stato sono stati acquistati con denaro raccolto sugli alberi ? Oppure trovato scavando sottoterra ? No, sono stati acquistati con denaro creato dal nulla utilizzando come garanzia proprio i titoli di stato. 


Quindi oggi 514 mld di euro del debito pubblico dello Stato sono detenuti dalla Banca d’Italia, che ripeto è un ente pubblico che persegue finalità pubbliche e che gira i suoi utili allo Stato.  


Ma allora perchè non consolidare questo debito in modo da eliminarlo definitivamente? Consolidare un debito significa trasformarlo in un debito irredimibile, cioè senza scadenza.  


Come va adesso il dolore? Se è troppo forte è meglio che ti fermi qui, se è sopportabile prosegui.  


La sovranità monetaria è dello Stato. Lo dichiara anche la Banca d’Italia stessa nel suo sito, nella pagina dedicata al signoraggio https://www.bancaditalia.it/compiti/emissione-euro/signoraggio/index.html 


"Oggi, quindi, il signoraggio viene percepito in prima battuta dalle banche centrali, le quali tuttavia lo riversano poi agli Stati, titolari ultimi della sovranità monetaria".  


Quindi la sovranità monetaria non l’abbiamo persa e potrebbe essere ancora esercitata dal Ministero del Tesoro, che oggi fa parte del Ministero dell’Economia e delle Finanze. Qui spiego come ...   



1
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Create a website