a:link {color:red;}a:visited {color:purple;}
freddie-collins-309833
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 

10/05/2019, 20:09

Spiritualit



La-conoscenza-spirituale-procura-la-vita-eterna-perché-svela-l’infinito-nel-finito,-il-permanente-nel-transitorio,-e-permette-di-vedere-che-la-nostra-ultima-essenza-non-è-destinata-alla-fine-come-lo-è-la-parte-fisica-ordinariamente-percepita-dai-sensi.--


 L’essenza ultima della conoscenza spirituale è la "conoscenza di sé" ... il "divino", l’eterno, l’immortale.



Poche righe, molto significative, tratte da  NUOVE IPOTESI SU GESU’  di David Donnini. 

A pagina 150 l’autore scrive :


"... la conoscenza spirituale come vita eterna, in contrapposizione all’ignoranza come morte. L’essenza ultima della conoscenza spirituale è la "conoscenza di sé" (il Gnothi Sauton dell’oracolo di Delfi, il Nosce te Ipsum dei filosofi romani, il Nirvana dei buddisti, il Samaadhi degli indù, i Daath degli ebrei cabalisti, l’Estasi dei mistici cristiani) : la comprensione di ciò che realmente siamo, della distinzione fra ego esteriore e io interiore; la visione della connessione con l’universo intero come unità; la realizzazione di quella parte intima e profonda, normalmente nascosta dalla percezione sensoriale e dal sentire mentale ed emotivo, che è la radice della coscienza, una qualità onnipervasiva e perpetua; il "divino", l’eterno, l’immortale. 

Ciò che la moderna fisica quantistica, dopo la comparsa delle idee introdotte dal fisico David Bohm, seguito da altri come Alain Aspect, Karl Pribram, Michael Talbot, considera un elemento unificante l’aspetto materiale e quello cosciente della realtà dissimulata nel mondo delle cose e degli eventi manifesti. Come abbiamo accennato, una realtà che non ha inizio né fine nel tempo, né collocazione limitata nello spazio. 
La conoscenza spirituale procura la vita eterna perché svela l’infinito nel finito, il permanente nel transitorio, e permette di vedere che la nostra ultima essenza non è destinata alla fine come lo è la parte fisica ordinariamente percepita dai sensi.  



1
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Create a website