a:link {color:red;}a:visited {color:purple;}
freddie-collins-309833
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 

11/05/2019, 20:11

Moneta



MONETA--BENE--COMUNE


 IL MANIFESTO DI MONETA BENE COMUNE



A parte qualche dubbio sul Demurrage del punto 6, tutto il resto è assolutamente condivisibile. Particolarmente importanti i punti 1. e 2.


 MONETA BENE COMUNE

 Manifesto per un Nuovo Ordine Monetario 


www.monetabenecomune.it 


1. Destinazione Universale dei Beni Comuni 

E’ bene comune tutto ciò che è essenziale per attuare i diritti fondamentali di ogni persona e comunità,nel rispetto della biosfera. L’accessibilità dei beni comuni è diritto/dovere primordiale di ogni soggetto, cuivanno subordinate tutte le leggi e tutti i trattati. 


2. Moneta Bene Comune 

La moneta è bene comune perché essenziale per il funzionamento delle società complesse. Ognicomunità ha diritto all’autodeterminazione monetaria quale condizione per l’effettiva fruibilità degli altri benicomuni e degli altri diritti fondamentali.

 

3. Nuovo Ordine Monetario

 La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani è inattuabile senza un appropriato ordine monetario, dalquale solo può derivare ordine finanziario, economico e politico. La moneta, al momento dell’emissione, èproprietà della comunità che ne legittima il valore, unico soggetto collettivo titolare del signoraggio (1) . 


4. Abbondanza monetaria (Moneta-credito) 

La scarsità monetaria (Moneta-debito) è un residuo del gold standard, ingiustificata anzi controproducentenell’economia contemporanea. La comunità mette gratuitamente (2) a disposizione dei suoi membri lamoneta necessaria e sufficiente a realizzare progetti legittimi. Chiunque intenda perseguire simili scopimette in campo le proprie risorse materiali e/o immateriali avendo la certezza che eventuali limitazionifinanziarie deriveranno esclusivamente da inadeguata sostenibilità del suo progetto per altre cause (3) . 


5. Rendita di Base Universale Incondizionata (RBUI) 

Ogni membro della comunità è titolare di un dividendo (4) mensile, dalla culla alla tomba, non sottoposto acondizione alcuna, che consenta un tenore di vita e un inserimento sociale dignitosi. 


6. Moneta Deperibile (Demurrage, Fiscalità Monetaria)

 La nuova moneta decade a un tasso intrinseco, come gli elementi radioattivi. Ogni forma di fiscalità checolpisca i redditi è anti-economica, dannosa sia per i singoli che per le comunità (5) . 


7. Flusso Monetario 

La moneta viene creata come RBUI e come credito per la fornitura di beni e servizi legittimi, e circola inmodo ottimale grazie alla sua deperibilità. Le nuove emissioni con relativo tasso di deperimento (flussomonetario -6- ) sono modulate sotto controllo democratico effettivo. 


8. Regime Transitorio 

Sul piano operativo bancario, sia nazionale che internazionale, non cambia quasi nulla. Sul piano contabilela moneta elettronica dei depositi a vista diviene proprietà dei titolari di conto, le banche fungono dasemplici intermediari e registrano l’equivalente passività presso la banca centrale che torna ad esserepubblica, sotto controllo di un ente separato dall’esecutivo (7) .


-------------------------------------------------------------------------------------------------


 1 Signoraggio è la differenza fra il valore nominale di una moneta o deposito a vista e il loro costo reale (materiali e lavoronecessari per produrli). Si tratta di un’enorme ricchezza comune che oggi viene usurpata dall’industria bancaria privata. 

2 Senza corresponsione di contropartita, né interesse positivo, né obbligo di restituzione.

 3 La concorrenza si gioca sulla qualità più che sul prezzzo. La quantità di beni e servizi è regolata dalla domanda (libera,non indotta). Vige un’autentica meritocrazia.

4 Dividendo di signoraggio, inalienabile e cumulabile con ogni altro introito. Le risorse necessarie sono disponibiliriallocando la spesa assistenzialistica, con drastica riduzione delle pastoie e dei costi burocratici. Abolendo la fiscalitàtradizionale si raddoppia la quota disponibile dei redditi. La RBUI può incoraggiare pochi "ignavi assoluti" ma tutti gli altrilavorerebbero poche ore per produrre in modo più creativo perché libero dal bisogno, con grande vantaggio economicoper se stessi e per la comunità. In ogni caso l’automazione garantisce una produzione di beni e servizi più che adeguata,abbattendo sia il rischio di inflazione che quello di recessione. 

5 La moneta non deperibile funge da riserva di valore con le aberrazioni dell’accumulo: privilegio di pochi monopolisti;barriera contro i diritti reali dei molti e l’effettiva libertà del mercato; causa di bolle speculative e cicli recessivi; pretesto permanovre inflattive. La nuova moneta, che in gran parte è elettronica nei depositi a vista, perde valore a un tasso stabilito.La moneta fisica, necessaria per le fasce di popolazione che non hanno ancora pieno accesso a quella elettronica, non èsoggetta a restrizioni se non al divieto di tesaurizzarla. Qualche forma di fiscalità tradizionale può essere mantenuta permonitorare le attività economiche, purché non le penalizzi (esempio: IVA interamente rimborsata al fruitore finale). 

6 Le politiche basate sulla massa monetaria anziché sul flusso sono anti-scientifiche e, nei fatti, coprono ogni tipo di abuso.

 7 Il nuovo ordine, basato su moneta credito, RBUI, fiscalità monetaria, rende il mercato più equo ed efficiente perchéabbatte le possibilità di speculazione e di usura, incanala il capitale verso impieghi produttivi di lungo termine, riassorbegradualmente il debito pubblico e privato, rieduca l’etica economica a favorire la libera cooperazione piuttosto che lacompetizione forzata.



1
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Create a website