a:link {color:red;}a:visited {color:purple;}
freddie-collins-309833
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 

26/05/2019, 01:01

Spiritualit, Controllo mentale



L’Università--UniAleph--di--Mauro--Scardovelli


 SE NON DIVENTIAMO IL DONO DIVINO CHE SIAMO, VIVREMO UNA VITA DIMEZZATA E PRIVA DI SENSO



Una boccata di aria pura. Lunga vita a Mauro Scardovelli e a coloro che collaborano con lui nella UniAleph. Non perdetevi il video finale.


Ecco il manifesto di presentazione dell’Università:


Un nuovo Rinascimento è possibile


Il Castello di Arezzo, nei giorni 11 - 13 gennaio, ospiterà un evento storico imperdibile: l’inaugurazione del nuovo anno accademico UniAleph, e nel contempo l’inizio di un nuovo rinascimento italiano.
Molti attivisti e molti intellettuali critici - giuristi, economisti, esperti di finanza, giornalisti, filosofi, formatori, psicologi, medici ecc. - hanno lavorato assiduamente in questi anni per risvegliare le coscienze e rendere possibile questo evento.
Fisicamente o idealmente saranno con noi tutti i cittadini consapevoli, senza distinzione di sesso, cultura, razza, lingua, religione, opinioni politiche e condizioni sociali. Saranno con noi, in presenza fisica o telematica, tutti i lavoratori che hanno conservato la dignità e la libertà di pensiero, non condizionati da un sistema socio-economico predatorio, suicidiario, criminale, diffuso a livello planetario. Saranno con noi tutti coloro che hanno mantenuto la fondata speranza che è ancora possibile cambiare le cose.
Coloro che ardentemente credono che è ancora possibile e necessario ridare vita, forza e attuazione alla nostra Carta costituzionale, la più bella del mondo, calpestata e tradita da una classe dirigente collusa e ignobile.
La Costituzione è frutto della resistenza al nazifascismo. In essa i padri costituenti hanno dato voce all’anima del popolo italiano, definendo i principi di un’etica universale e delineando un assetto socio-economico fondato sulla cooperazione e il bene comune. Assetto in grado di porre fine alla società della competizione e dell’ingiustizia responsabile delle due guerre mondiali e dei totalitarismi del ’900.
A partire dall’assassinio di Aldo Moro, sono state introdotte nel nostro ordinamento una serie di leggi, che hanno progressivamente stravolto l’ordine costituzionale, riportandoci indietro alla barbarie liberista. Dobbiamo ritornare alla Costituzione. Lì troviamo le linee di governo che, nei primi trentacinque anni di attuazione, hanno fatto dell’Italia la quinta potenza economica mondiale.

La Costituzione inaugura una nuova forma di democrazia, consensuale e sostanziale, fondata sulla reale partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del paese. Democrazia che può realizzarsi solo se vengono rimossi gli ostacoli di ordine economico e sociale, cioè culturale, psicologico, spirituale, che impediscono il pieno sviluppo della persona umana.

UniAleph, università popolare, nasce per attuare la Costituzione. Il cuore pulsante della Costituzione è il pieno sviluppo della persona umana, una rivoluzione copernicana nel costituzionalismo moderno. UniAleph mette al primo posto la formazione etica, psicologica e spirituale delle persone, nella consapevolezza che i conflitti, interiori od esterni, possono essere pacificati solo lavorando contemporaneamente sui due fronti. Non ci può essere vera democrazia senza educazione ai valori costituzionali. Non ci può essere vera democraziase i cittadini, preda dei disvalori neoliberisti, sono autoritari, competitivi e violenti tra loro e al loro interno.
                                                          Mauro Scardovelli,
         dicembre 2018



1
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Create a website