a:link {color:red;}a:visited {color:purple;}
freddie-collins-309833
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 

06/08/2019, 01:01

EZRA POUND



-Questa-guerra-non-fu-un-capriccio-di-Mussolini,-e-nemmeno-di-Hitler.-Questa-guerra-è-un-capitolo-della-lunga-tragedia-sanguinaria-che-s’iniziò-colla-fondazione-della-Banca-d’Inghilterra-nel-lontano-anno-1694-...


 Prima di discutere una politica monetaria, una riforma monetaria, una rivoluzione monetaria, dobbiamo essere ben sicuri della natura della moneta.



Altro brano tratto da Oro e Lavoro, in cui Ezra Pound continua la sua battaglia, durata quasi tutta una vita, per diffondere la conoscenza della vera natura della moneta. 
Tra i passaggi più significativi, quelli in cui afferma che la Seconda Guerra mondiale fu una conseguenza della nascita del fraudolento sistema di emissione monetaria, coincidente con la fondazione della Banca d’Inghilterra, che già nel ’600 in Cina si emettevano Biglietti di Stato, che le guerre sono alimentate dai Grandi Usurai per indebitare le nazioni. 



IL PERNO 


Tutto il commercio passa attraverso alla moneta. Tutta l’industria passaattraverso alla moneta. La moneta è il perno. È il mezzo termine.Sta nelmezzo fra industria e operai. Può darsi che l’uomo puramente economico non esista, ma il fattore economico, nel problema della vita, esiste. Vivendodi frasi, e perdendo il senso delle parole, si perde «il ben dell’intelletto». 

Il commercio ha portato la prosperità della Liguria, l’usura le ha fattoperdere la Corsica. Ma perdendo il senso della differenza fra commercio el’usura si perde il senso del processo storico. Vagamente in questi mesi si èincominciato a parlare d’una forza internazionale, detta finanza, ma sarebbemeglio chiamare questa forza «usurocrazia» ovvero il dominio dei grandiusurai congregati e congiurati. Non i mercanti di cannoni ma i trafficanti deldanaro stesso hanno creata questa guerra, hanno create le guerre a serie, dasecoli, a piacer loro, per creare debiti, per poi sfruttarne l’interesse; percreare debiti in moneta a buon mercato, per poi domandarne il pagamento indanaro più caro. 

Ma finché la parola moneta non viene chiaramente definita, e finchéquesta definizione non sia conosciuta dai popoli, i popoli entrerannociecamente in guerra, senza conoscerne il perché.

 Questa guerra non fu un capriccio di Mussolini, e nemmeno di Hitler.Questa guerra è un capitolo della lunga tragedia sanguinaria che s’iniziòcolla fondazione della Banca d’Inghilterra nel lontano anno 1694,coll’intenzione dichiarata nell’ormai famoso «prospectus» di Paterson, dovesi legge: «il banco trae beneficio dall’interesse su tutta la moneta che creadal niente». 

Per capire questa frase bisogna capire che cosa sia la moneta. La monetanon è uno strumento semplice come una vanga. Contiene due elementi:quello che misura i prezzi sul mercato, e quello che dà, il potere di comprarela merce. Su questa duplicità gli usurai hanno giuocato. Voi capite bene cheun orologio contiene due principi, cioè quello della molla motrice, e quellodella molla bilanciere, con un ingranaggio fra le due. Ma quando uno vidomanda cosa sia la moneta, voi non sapete cosa siano i biglietti da diecilire e i pezzi di venti centesimi che avete in tasca. 

Sino al seicento prima del mille, quando un imperatore della dinastiaT’ang emetteva i suoi biglietti di stato (dico di stato, non di banca) il mondofu quasi costretto a adoprare come moneta una quantità determinata diqualche merce d’uso comune, sale o oro secondo il grado di sofisticazionedell’ambiente. Ma dall’anno 654 dopo Cristo, almeno, il metallo non eranecessario agli scambi fra gente civile. Il biglietto statale dei T’ang dell’anno856, che è ancora conservato, porta un’iscrizione quasi identica a quella cheleggete sul vostro biglietto da dieci lire. 

Il biglietto misura il prezzo, e non il valore; ovvero i prezzi vengonocalcolati in unità monetarie. Ma chi vi fornisce questi biglietti? E su chedirettive vengono messi in circolazione questi pezzi di carta? E, prima diquesta guerra, chi controllava l’emissione della moneta mondiale? Se voivolete cercare le cause della guerra presente, cercate di conoscere chicontrollava e come venne controllata la moneta mondiale

Pel momento vi ripeto una sola indicazione presa dalla storia degli StatiUniti d’America: il grande debito che i nostri amici (i capitalisti dell’Europa)creeranno con questa guerra, verrà adoperato per controllare la circolazionepagina 89(vuol dire dominare la circolazione della moneta) «Noi non possiamopermettere che i "greenbacks" (biglietti statali) circolino, perché nonpossiamo averne il dominio». 

Questo è dall’Hazard Circular  dell’anno 1862. Mi pare che unasituazione analoga esistesse nell’anno 1939. Direi che l’Italia non volendoindebitarsi, abbia fatto rabbia ai grandi usurai. Pensateci sopra! E pensateanche alla natura della moneta stessa, e alla trascuratezza degli economistiin genere quando noi domandiamo cosa sia la moneta, il credito, l’interesse,l’usura. 

Prima di discutere una politica monetaria, una riforma monetaria, unarivoluzione monetaria, dobbiamo essere ben sicuri della natura dellamoneta. 



1
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Create a website