a:link {color:red;}a:visited {color:purple;}
freddie-collins-309833
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 

29/08/2019, 01:28

SPIRITUALITA'



La-legge-della-Fratellanza-Universale-costringe-le-forme-ad-unirsi-prima-per-forza,-poi-per-amore-...-la-Fratellanza-Universale-non-è-che-la-realizzazione-di-una-legge-cosmica-che-governa-la-manifestazione.


 ... la collaborazione ed il mutuo soccorso devono costituire la dinamica di tale legge nel regno umano, ove il superiore deve sempre aiutare l’inferiore ed il più forte proteggere il più debole.



Completiamo con la seconda parte la splendida esposizione di Filiberto Zarattini alla Conferenza della Società Teosofica Italiana dell’Aprile 1967


LA FRATELLANZA UNIVERSALE E’ UNA LEGGE COSMICA


Ma, per poter realizzare il primo scopo, dobbiamo prima propagandare e rendere operante il secondo e cioè "incoraggiare lo studio comparato delle religioni, delle filosofie e delle scienze", perché solo dimostrando che non esiste contraddizione tra la vera religione, la vera filosofia e la vera scienza - essendo ognuna di queste veicolo di un’unica verità operante su piani diversi e perciò esprimendosi con domande diverse - potremo persuadere gli uomini a smettere di combattere tra di loro e a cercare invece di realizzare con lavoro unanime questa verità su tutti i piani di vita.

La storia dell’umanità non è che una sequela di guerre e di rivoluzioni motivate da visioni incomplete, e perciò contrastanti, degli scopi della vita; visioni di solito derivanti da errate interpretazioni degli insegnamenti religiosi.

Se qualcuno, all’affermazione che la fratellanza è una legge universale e perciò operante su tutti i piani della manifestazione, volesse obiettare che non si può così spiegare la feroce lotta per la vita che esiste soprattutto nel regno animale, potrei rispondere che la dinamica mediante la quale questa legge si esprime nei regni inferiori e subumani è diversa da quella che opera nei regni superiori. Non essendovi nelle singole forme di quelli autoconoscenza e perciò neppure consapevolezza, la legge opera dall’esterno, cioè con la forza, e non dall’interno, per libera scelta come nell’uomo.

A livello dell’anima-gruppo il principio della fratellanza universale è presente e operante ma, siccome l’anima-gruppo esercita sulle forme che la esprimono solo un controllo meccanico, opera in modo che le forme di ognuna di esse non soppiantino, distruggendole totalmente, quelle delle altre anime-gruppo perché, se ciò avvenisse, verrebbe rotto l’equilibrio naturale e la vita sul piano fisico non sarebbe più possibile per nessuno.

Ed è proprio per la conservazione di tale equilibrio che nel regno animale esiste la lotta per la vita, lotta però che esiste soltanto a livello delle forme e non nelle rispettive anime-gruppo che di essa si servono per scopi ben precisi. Ma nell’uomo, in cui ogni anima possiede soltanto un unico strumento fisico che governa dall’interno, la lotta è un controsenso, perché anima e corpo costituiscono un’unica entità, la consapevolezza della fratellanza universale che esiste a livello dell’Ego deve manifestarsi anche su quella dell’io, quale strumento dell’Ego nel mondo delle forme.

La tecnica di cui si serve la vita prima del regno umano è di assorbimento; con l’uomo invece inizia l’irradiazione.

Infatti l’atomo si forma captando e costringendo elettroni a girare intorno all’orbita del proprio nucleo; la molecola costringendo i rispettivi atomi ad unirsi; la cellula imprigionando, organizzando le molecole per i propri scopi; gli organismi semplici costringendo colonie di cellule a vivere insieme; gli organismi composti organizzando gli organismi più semplici che servono al loro scopo e così di seguito per tutta la scala zoologica, in cui l’inferiore viene sempre sacrificato e integrato dal superiore, che l’arricchisce di un ritmo o qualità nuovi. L’ontogenesi riassume sempre la filogenesi; ad un certo momento della scala evolutiva vediamo che la lotta per la vita diviene sempre meno feroce, fino a scomparire completamente nell’uomo che ha realizzato la sua umanità.

La legge della Fratellanza Universale costringe le forme ad unirsi prima per forza, poi per amore.

Perciò la cosiddetta lotta per la vita è la tecnica usata dalla vita stessa per realizzare nei regni inferiori questa legge, perché nel cosmo tutto tende all’unità, anche se di essa non sempre si è consapevoli.

L’uomo, che non appartiene ai regni inferiori, deve liberarsi dai metodi ad essi specifici ed operare invece secondo principi più consoni alla sua natura spirituale, di cui deve rendersi edotto. La legge di fratellanza non è altro che la legge di armonia che governa l’universo ed essa opera non solo tra gli individui di uno stesso regno, ma tende anche ad armonizzare la coesistenza dei singoli regni perché, ove tale armonia non esistesse, la vita non potrebbe manifestarsi nella sua pienezza.

Nel regno animale osserviamo tre specie di animali: gli erbivori, i carnivori e gli onnivori.

I carnivori sono necessari sia al regno vegetale sia a quello umano, quanto gli erbivori stessi; infatti, impedendone la riproduzione all’infinito, permettono al regno vegetale di rinnovarsi continuamente e con esso si ottiene la sopravvivenza delle altre specie di animali, dell’uomo stesso.

Ma, se la legge di fratellanza richiede nel regno animale la cosiddetta lotta per la vita per i motivi dianzi esposti, nel regno umano tale lotta non ha più motivo di esistere, perché l’uomo non è un animale superiore, come pretendono le dottrine materialistiche, ma segna l’origine di un nuovo regno, anche se il suo corpo proviene dal regno animale.

Perciò, se la lotta per la vita è la dinamica con cui la legge della fratellanza si esprime nel regno animale, la collaborazione ed il mutuo soccorso devono costituire la dinamica di tale legge nel regno umano, ove il superiore deve sempre aiutare l’inferiore ed il più forte proteggere il più debole.

Finché l’umanità non diventerà consapevole di questa verità e continuerà a regolare i suoi rapporti su principi validi soltanto per i regni inferiori, non vi potrà mai essere pace sulla terra.

È compito quindi di tutti gli uomini che hanno realizzato tale consapevolezza e perciò in modo particolare di tutti i membri della Società Teosofica insegnare, con la parola e con l’esempio, che la Fratellanza Universale non è che la realizzazione di una legge cosmica che governa la manifestazione. Soltanto con tale realizzazione il caos, cioè la lotta ed il disordine, diventerà Kosmos, cioè ordine, armonia, pace per tutti gli esseri, ma pace attiva, cioè pace scaturita da un’armonia costituita minuto per minuto, ora per ora, e non passività, stasi, come spesso alcuni intendono la pace.

Allora soltanto avremo la pace, come opera e risultato della giustizia; perché ogni elemento come ogni individuo, occuperà in questo dinamismo universale sempre il suo giusto posto.

Penso che coloro che costituiscono il vero nucleo della Fratellanza Universale, cioè i Maestri, mirino alla realizzazione di una pace attiva, dinamica, perenne, tendente verso un punto omega, meta finale di tutta la manifestazione, perché la vita tende all’unità e ritengo che la Fratellanza Universale segni la realizzazione, sul piano umano, di questa legge cosmica.  


  Filiberto Zarattini


 Filiberto Zarattini, medico, è stato un insigne studioso e teosofo.

Conferenza tenuta il 24 Aprile 1967 a Perugia, al 53° Congresso Nazionale della S.T.I.



1
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Create a website