a:link {color:red;}a:visited {color:purple;}
freddie-collins-309833
PAOLO MALEDDU
PAOLO MALEDDU

Per maggiori informazioni, puoi scrivere a:

paolo.maleddu@gmail.com

+39 3496107688

Il Blog

La moneta è uno straordinario strumento di creazione e distribuzione di benessere per tutta l'Umanità. Non può esserlo solo per una esigua schiera di Usurai malati di delirio di onnipotenza.


06/02/2018, 10:34



OUR-OCCULTED-HISTORY---RELIGIONE-E-MONETA,--IL-DOMINIO-DELLA-FINANZA-DA-PARTE-DEI-KHAZARI,--EBREI-ASHKENAZI---HOLLYWOOD-COMPLETAMENTE-CONTROLLATA-DAGLI-EBREI-


 In questo brano Jim Marrs ci spiega che i Khazari sono un bellicoso popolo asiatico convertitosi alla religione ebraica non per fede, quanto piuttosto per interessi che hanno a che fare col prestito di denaro,



Interessantissimo brano di Jim Marrs che riprende un argomento già condiviso da tanti autori, secondo i quali gli Ebrei ashkenazi che controllano la finanza mondiale nulla hanno a che vedere con gli autentici Ebrei originari della Palestina e dintorni. Gli stessi Ebrei ortodossi chiedono di non essere confusi con i Sionisti che hanno voluto lo Stato di Israele strappando le terre ai Palestinesi e seminando morte e sofferenza, anziché continuare ad attendere il ritorno del Messia, come annunciato nelle sacre scritture, condividendo pacificamente quelle terre con altri popoli come avveniva da millenni.
Nelle ultime righe, Jim Marrs parla apertamente delle cause delle guerre scatenate dopo l’undici Settembre per azzerare le banche centrali dei Paesi non allineati col sistema bancario dominato dai Rothschild.


KHAZARIA: DOMINIO DEL CONTROLLO FINANZIARIO

I due meccanismi di base delcontrollo umano - religione e sistema bancario - ebbero originenell’antica terra dei Sumeri, lasciti degli dei Annunaki, secondoalcuni. Il popolo che apprese questi meccanismi si disperse inseguito alle calamità che colpirono i Sumeri e si riformò comenucleo nelle successive civiltà Babilonese e Egiziana, così come dinazioni meno importanti. 
Se l’arte di cambiare metalli dibase in oro oppure oro in polvere si perse, l’arte di guadagnarescambiando e prestando denaro non andò perduta. L’apparizionedella moneta sulla Terra è un evento incredibile, e ancora oggi unfatto che non può essere spiegato e documentato in modoconvenzionale. Molti sviluppi possono essere ricollegati a qualchefonte di origine, ma il denaro apparve in differenti posti nel mondoin modo molto simile. Lo scambio di beni reali e servizi attraversosimboli che li rappresentano (oggi principalmente carta e scrittureelettroniche) è diventato un’arte. 
Da nessuna parte l’arte dicontrollare il denaro si è sviluppata meglio che nell’Impero deiKhazari. Dalla Mesopotamia, i discendenti della classe sacerdotale edella classe dominante Sumera che scapparono dall’improvvisa emisteriosa distruzione dell’antica terra dei Sumeri si disperseroverso sud in Palestina ed Egitto, e verso nord nella regione dellemontagne del Caucaso. Qui si mescolarono con i nomadiMongoli, e la loro progenie secoli dopo diede origine all’Imperodi Khazaria, da cui provenivano le facoltose dinastie bancarieeuropee. Alcune di loro portarono con sé i segreti dell’anticaMesopotamia. Era in Khazaria che i clan dei predatori nomadiattaccavano la rotta delle carovane tra il Mar Nero e il Mar Caspio,storicamente conosciuta come Via della Seta. 
Nel quinto secolo, i Khazaricavalcavano a fianco di Attila re degli Unni. Diventando ricchi epotenti, i signori della guerra Khazari decisero che cambiare eprestare denaro era molto più redditizio e meno pericoloso chedepredare le carovane. Ma avevano un grosso problema. Verso l’ottavosecolo la Khazaria era quasi equamente divisa tra Cristiani,Mussulmani ed Ebrei. A quel tempo, sia i Cristiani che iMussulmani credevano che gravare di interessi i prestiti, unaoperazione chiamata usura, fosse peccato. Solo gli Ebrei potevanoapertamente far pagare gli interessi sui prestiti, specialmente ainon Ebrei. 
Nel 1740, Bulan Re di Khazaria,dicendo di aver avuto una visione celeste, fu il primo ad adottare lareligione Giudaica. Secondo i costumi, tutti erano tenuti ad adottarela religione del proprio re, così ogni khazaro divenne un Ebreoprofesso, per pragmatismo o credo religioso. Nel 969, dopo lunghianni di attacchi da parte di clan e nazioni vicine, la Khazaria fuinvasa e dissolta da popolazioni Scandinave chiamate i Rus. L’areaprese ad essere chiamata Russia. 
Arthur Koestler, un autore egiornalista Ebreo che divenne internazionalmente famoso con la suastoria sugli Ebrei intitolata La Tredicesima Tribù, lasciòl’Europa dell’est durante la Seconda Guerra Mondiale, e dopo unsoggiorno in Palestina si stabilì in Gran Bretagna nel 1945.Koestler nel 1978 dichiarò che il suo libro "fu scritto prima chel’intera vicenda dell’olocausto fosse conosciuta, ma ciò noncambia il fatto che la stragrande maggioranza degli Ebreisopravvissuti nel mondo provenga dall’Europadell’Est- e che siano quindi principalmente di origine Khazara. Se cosìfosse, ciò vorrebbe dire che i loro antenati non provenivano dallaregione del Giordano ma dalla regione del Volga, non da Canaan ma dalCaucaso, una volta creduto la culla della razza Ariana; e chegeneticamente siano più strettamente imparentati con le tribù Unne,Uigur e Magiare che con la progenie di Abramo, Isacco e Giacobbe. Sequesto fosse il caso, allora il termine "antisemitismo" sarebbevuoto di significato, basatosu un malinteso condiviso da entrambi, assassini e vittime. La storiadell’Impero Khazaro, come emerge lentamente dal passato, inizia adassumere i contorni del più crudele inganno mai perpetrato dallastoria." 
 Attornoall’anno 1.000 dopoCristo, molti dispersi discendenti dei Khazari migrarono in Spagna,ma vennero espulsi dopo un secolo o due. Sitrasferirono allora in Portogallo, ma dopo un secolo o due furonocostretti a trasferirsi nuovamente. Nei Paesi Bassi, i Khazari, oEbrei Ashkenazi come loro stessi iniziarono a chiamarsi, prosperaronoe presero a diffondersi in tutta Europa e quindi in America. Questegenti non erano mai state in contatto con gli Ebrei della Palestina,nonostante fossero i fondatori del Sionismo, un movimento politiconato nella Russia del diciannovesimo secolo col proposito diassicurarsi una "patria" ebraica in Medio Oriente. Come Koestlerspiegò, "Nel dodicesiomo secolo sorse in Khazaria un movimentoMessianico, un rudimentale tentativo di una crociata ebraica, colproposito di conquistare la Palestina con la forza delle armi. Ilfondatore del movimento era un Ebreo Khazaro, tale Solomon ben Duji(o Ruhi o Roy), con l’aiuto di suo figlio Menahem e uno scribaPalestinese. Scrissero lettere a tutti gli Ebrei, vicini o lontani,in tutte le terre attorno ... Dicevano che era giunto il tempo in cuiDio avrebbe radunato Israele, il Suo Popolo, da tutte le terre aGerusalemme, la città santa, e che Solomon Ben Duji era Elijah, esuo figlio il Messia." Il movimento di Duji venne conosciuto inseguito come Sionismo.

  Piùavanti nella vita, a Koestler venne diagnosticato sia il morbo diParkinson che il cancro. Nonostanteentrambi avessero lasciato scritte note di addio, alcuni studiosi dicospirazioni affermano che il suicidio del 1983 di Koestler e suamoglie erano astuti assassinii del Mossad come rappresaglia per averrivelato troppa storia vera. C’è da tener presente che i piùgrandi oppositori del Sionismo furono gli Ebrei Ortodossi, che nonritenevano giustoprendere la terra di altri popoli,ma piuttosto di attendere illoro Messia. Alcuni persino affermano che l’Olocausto Nazistavenisse incoraggiato dai Sionisti per eliminare leader rabbiniortodossi che si opponevano al loro movimento. 
 Sei Khazari sono i progenitori di molti Ebrei dell’Europa dell’Est,allora sarebbe inclusa la famosa famiglia dei Rothschild, che controllava la finanza  Europea da più di un secolo. Studiosi dicospirazioni ritengono che continuino a dominare l’ordinefinanziario mondiale e che siano stati i sostenitori finanziari deiRockefeller e altre facoltose famiglie. I Rothschild rivendicano comeloro antenato Nimrod, il re gigante dei Sumeri considerato undiscendente diretto di Noè, e anche un semidio. Nimrod è statopure associato a Molech, una variante del sostantivo ebraico re ogovernante. Il nome Molech è stato attribuito a divinità Sumere. Ilpatriarca biblico Abramo affrontòNimrod sul suo culto blasfemo di Molech, semplicemente un altro nomedel dio Annunaki della luna Sin. 
 Lacoesione di questa famiglia, il suo potere, la segretezza, e la suaricchezza, potrebbe spiegare perché Mayer Rothschild credeva nella sua spesso ripetuta citazione, "Lasciate che io controlli la monetadi un Paese, e non mi interessa chi faccia le leggi." 
Quandoil fondatore della dinastia dei Rothschild, Mayer Amschel Rothschild,scrisse il suo testamento, egli esercitò il diritto dellaprimogenitura, che significa che solo il figlio più grande in ognigenerazione ha il potere di controllare la ricchezza della famiglia.Così facendo, non solo la famiglia Rothschild è stata tenuta unita,ma, come nelle società segrete, quei familiariche non sono al correntedella gestione più interna, sanno poco degli affari finanziari.Precedenti alti funzionari dei Rothschild si lamentavano di esserespesso tenuti "fuori dal giro" nelle decisioni importanti, cosìnon è giusto biasimare tutta la famiglia Rothschild per la mancanzadi etica. 
Ilbiografo dei Rothschild Derek Wilson, ha descritto il duraturo poteredella famiglia Rothischild dichiarando, "Genetica, mitologia,formazione mirata, leopportunità offerte dalla ricchezza e dalla rete di conoscenze -tutto ha giocato la propria parte nella creazione di una delle piùimportanti - forse la (enfasinello scritto originale) più importante - famiglia della storiarecente". Concludecon ammirazione, "Poche dinastie, ad eccezione delle monarchieereditarie preservate dall’oblio dal diritto di primogenitura,hanno mantenuto la loro influenza sul mondo per sette generazioni." 
Ebreio no, i finanzieri globalistihanno emulato i Rothschild per decadi, usando riservatezza e ingannoper condurre gli affari. Il ricercatore John Churchelly ha scrittoche "Gli Americani dovrebbero venire a conoscenza del fatto che i discendenti dei Khazari dominano insegreto ogni aspetto della vita americana. Sono entrati nei livellipiù alti del governo Americano, dell’industria, del sistemabancario, della finanza, del commercio, dei mass media, dellecomunicazioni, del mercato immobiliare, delle vendite di prodotti dilargo consumo, dell’arte, dell’educazione, degli sports, delleassociazioni professionali, etc. Questo non per caso o per meriti, maper averlo pianificato, una attenta messain atto delle scelte da fare in tante, tante decadi".Churchillyha dato voce alle preoccupazioni di tanti. Un importante componente di questo management è la segretezza. Utilizzando politici compratisui quali attirare il pubblico malcontento e il controllominuzioso, i grandi globalisti hanno la possibilità di agirenell’ombra, impunemente. Questaimpunità deriva dal loro controllo dell’informazione, specialmenteHollywood, che ha dato il via a tendenze culturali in tutto il mondoper decadi. Ma è tutto vero?

"Nonsono mai stato così sconvolto in vita mia da un sondaggio" hascritto Joel Stein nel 2008. Giornalista del Los AngelesTimes, Stein si lamentava che"Solo il 22 per cento degli Americani crede ora che "l’industriadei film e della televisione sono condotti quasi esclusivamente dagliEbrei", in discesa da un quasi 50 per cento del 1964. La Anti-Defamation League, che il mese scorso ha reso pubblici i risultatidel sondaggio, vede in questi numeri una vittoria controi luoghi comuni. In verità, dimostrano quanto siano diventatistupidi gli Americani. Gli Ebrei controllano totalmente Hollywood."
Steinprosegue facendo notare: "Quanto profondamente è Hollywood in manoagli Ebrei? Quando i capi dello studio di produzione compraronoun’intera pagina pubblicitariadelLos Angeles Times pochesettimane fa per esigere che il Screen Actors Guild definisse il lorocontratto, la lettera aperta era firmata da: il Presidente di NewsCorp. Peter Chernin (Ebreo), il Presidente di Paramount Pictures BradGrey (Ebreo), l’Amministratore Delegato di Walt Disney Co. RobertIger (Ebreo), il Presidente di Sony Pictures Michael Lynton(sorpresa, Ebreo olandese), il Chairman della Warner Bros. BarryMeyer (Ebreo), l’Amministartore Delegato di CBS Corp. LeslieMoonves (così Ebreo che ilsuo prozio è stato il primo Presidente del Consiglio di Israele), ilPresidente della MGM Harry Sloan (Ebreo) e il Chief Executivedell’NBC Universal Jeff Zucker (mega-Ebreo).Se uno dei due fratelliWeinstein avesse firmato, questo insieme di persone avrebbe non soloil potere di cessare la produzione di tutti i film, ma di formare una minyan (termine ebraico ad indicare un insieme di almeno 10 ebrei maschi di età superiore ai 13 anni, per compiere atti pubblici di culto, NdT) con abbastanza Fiji water (costosa acqua considerata purissima, proveniente dalle Isole Fiji, NdT) a disposizione per riempire una  mikvah (una vasca per abluzioni purificatrici, NdT). Le personecontro le quali stavano sbraitando in quell’annuncio era il Presidentedel SAG (Screen Actors Guild) Alan Rosenberg (prova ad indovinare).La graffiante confutazioneall’annuncio fu scritta dal super agente dell’entertainment AriEmanuel (Ebreo con genitori Israeliani) sull’Hiffington Post, diproprietà di Arianna Huffington (non Ebrea che non ha mai lavorato aHollywood).
"In quanto Ebreo orgoglioso diesserlo, voglio che l’America sappia dei nostri successi,"concluse Stein. "Si, noi controlliamo Hollywood. Senza di noi,stareste cambiando tutto il giorno in TV tra "The 700 Club" eDavey and Goliath" ... Ma non mi interessa che gli Americanipensino che stiamo controllando i mezzi d’informazione, Hollywood,Wall Street e il Governo. Mi interessa solo che continuiamo ad averneil controllo." 
Leparole di Stein echeggiarono in un editoriale pubblicato nel Luglio del 2012 sul Timesof Israel da Manny Friedman, unnome dichiaratamente fasullo. Friedman ha scritto che è curioso chefrasi come "Gli Ebrei controllano i mezzi di comunicazione"incitano gli Ebrei aprepararsi alla guerra. "Noi creiamo enormi campagne perscoraggiare questa gente. Facciamo tutto il possibile per far loroperdere il lavoro. Pubblichiamo articoli. Abbiamo creato intereorganizzazioni (come l’AIPAC, l’American Israel Public AffairsCommittee) che esistono solo per dire a tutti che gli Ebrei noncontrollano niente. No, noi non controlliamo i media, non abbiamo piùinfluenza di chiunque altro a Washington. No, no, no, logiuriamo: siamo come chiunque altro!" Ha scritto. Ma Friedmanconclude, "La verità è che gli anti-Semiti hanno ragione. NoiEbrei abbiamo qualcosa dentro di noi che ci fa diversi da qualsiasialtro gruppo nel mondo. Stiamo parlando di persone che sono statemesse in campi di morte, hanno resistito a persecuzioni, con interefamiglie decimate. E allora vennero in America, l’unico posto chedavvero sempre permette loro di avere tutto il potere che volevano, etutto in una volta stannoavendo il sopravvento. Non ditemi per favore che altri gruppi nelmondo hanno mai realizzato tutto ciò. Solo gli Ebrei. E lo abbiamogià fatto in precedenza. È questo il motivo per cui gli Ebreifurono ridotti in schiavitù in Egitto. Avevamo troppo successo. Dateuno sguardo alla Torah - è proprio lì. E lo abbiamo fatto anchein Germania ... Non siamo più obbligati a cambiare nomi. Nondobbiamo più adattarci all’ambiente come camaleonti. Possediamo unPaese fenomenale." Ma Friedman aggiunge che con tale potere neimedia pubblici c’è una grande responsabilità, dichiarando,"Significa che che sono di colpo responsabili quando creano sconciprogrammi TV che macchiano l’atmosfera spirituale del mondo.Significa che le cose non si possono fare solo a scopo di svago o perdivertimento o persino per "arte" ... Dobbiamo iniziare apreoccuparci di ciò che facciamo e come ci comportiamo. Vuol direche dobbiamo iniziare a lavorare assieme. Vuoldire che dovremo sostenerci a vicenda, e noi stessi, ad un livellopiù elevato."
 L’attoree sceneggiatore Bob Stein ha scritto di aver ricevuto una telefonatada un editore di 60 Minutes, chevoleva una sua opinione sulla ricerca secondo la quale il 60 percento degli incarichi più importanti ad Hollywood fossero ricopertida Ebrei. "Sono riuscito a squalificare me stesso dicendo chementre Hollywood non era davvero "controllata" da nessuno (ètroppo caotica per poterlo fare), se gli Ebrei fosserocirca il 2,5 per cento della popolazione e circa il 60 per cento diHollywood, potrebberoben affermare di avere untotale predominio nel settore," disse Stein. "Era una rispostaestremamente logica e non politicamente corretta, e non si è fatta più sentire."Stein ammise, "L’attuale produzione di Hollywood avolte è ripugnante e mi dà il voltastomaco. Sono veramentedisgustato dal suo linguaggio, dalla sua violenza, i suoi attacchisenza fine contro uomini d’affari e militari (D’altrocanto, non può mai attaccare per me abbastanza la CIA)."Ma concluse, "Perora, Hollywood, in molti modil’impresa culturale di maggior successo di tutti i tempi e il piùpotente messaggero dei valori americani di tutti i tempi, stacambiando, ma è ancora per lo più ebrea. E una voce moltoarrabbiata nella mia testariccia mi fa aggiungere,"Chediavolo significa?"
Da tener presente che tutti gli EbreiSemiti, o persino coloro che professano la religione del Giudaismo,non sono il problema. Il problema dei tentativi di controlloeccessivo proviene dagli aderenti al Sionismo, un movimento politicoabbracciato da molti non-Semiti, Rothschild inclusi. 
 Lafortuna dei Rothschild ebbe inizio nel 1700, quando Mayer Amscheladottò la pratica del sistema bancario a riserva frazionaria, lapratica di prestarepiù denaro di quello che unoha come attivoin bilancio. Secondo G.Edward Griffin, autore di The Creatures of Jekyll Island,come i Rothschild "maturaronoe appresero la magia di trasformare il debito in denaro, sitrasferirono oltre i confini di Francoforte, e iniziarono ulteriori attivitànei centri finanziari non solo in Europa, ma in gran parte del mondocivilizzato." 
 Ma loro stessi scoprirono la magiadi convertire il debito in denaro, o questa pratica era stata passataloro da lontani antenati? Come il loro riconosciuto antenato AnnunakiNimrod e altri Annunaki, i Rothschild hanno avuto un particolareinteresse nell’oro. Secondo il biografo dei Rothschild DerekWilson, "Divenneroi maggiori importatori dilingotti dai giacimenti d’oro appena scoperti." I Rothschildfinanziarono anche Cecil Rodhes, che divenne il magnate dell’oro edei diamanti del Sud Africa e che in seguito fondò una societàsegreta chiamata la TavolaRotonda, precursore del Council on Foreign Relations.
  Ilgiornalista William T. Still ha detto che la formazione di ricchezzaamericana da parte della famiglia era "profonda". "Attivandosiattraverso le società di Wall Street Kuhn, Loeb & Co., e J.P.Morgan Co., i Rothschild finanziarono John D. Rockefeller in modo cheriuscisse a creare l’impero della Standard Oil." Secondotestimonianze rese in audizioni davanti al Congresso, la NationalCity Bank di Cleveland mise adisposizione di John D. Rockefeller il denaro per dare inizio almonopolio dell’industria della raffinazione del petrolio, da cuiebbe origine la Standard Oil. Questa banca era una delle tre diproprietà dei Rothschild negli Stati Uniti, e alla fine del 1800 laStandard Oil dominava completamente l’industria del petroliomondiale.
  Il magnate delle ferrovie EdwardHarriman e l’industriale dell’acciaio Andrew Carnegie ricevetteroanch’essi finanziamenti dai Rothschild. Gli Harriman, oltre a farda guida a Prescott Bush, il nonno del precedente presidente George W.Bush, fondò anche il movimento eugenetico negli Stati Uniti. Assieme ai Carnegie, finanziarono alcune delle più prestigiosefondazioni del Paese. 
 LaDichiarazione Balfour del 1917, una lettera del ministro degli EsteriAlfred Balfour che affermava che la Gran Bretagna non avesseobiezioni avverso lacostituzione di uno stato Ebraico in Palestina, fu in seguitoapprovata come un mandato della Lega delle Nazioni. Molti riconosconoquesta lettera essere le fondamenta della creazione dello Stato diIsraele. In origine la Dichiarazione Balfour era una risposta a unleader Sionista, il Barone Walter Rothschild, il primopari livello di un nobiluomo inglese a non convertirsi dal Giudaismo.La popolazione Araba semitica di Palestina è stata la piùdanneggiata da questa dichiarazione. 
Pete Papaherakles, scrivendonell’American Free Press, fantasticavase il desiderio dei banchieri di controllare la Banca Centrale dellaIslamic Republic of Iran (CBI)potesse essere una delle principali ragioni per cui l’Iran venisseindicata come nemico dalle potenze Occidentali e da Israele. Sinoti che l’Iran è una delle tre sole nazioni rimaste al mondo lacui banca centrale non è sotto il controllo dei Rothschild. Primadell’attacco dell’undici Settembre, Afghanistan, Iraq, Sudan,Libia, Cuba, Nord Corea e Iran erano libere dal sistema bancariooccidentale dominato dai Rothschild. Nel 2012, tutte erano sotto unabanca centrale con l’eccezione di Cuba, Nord Corea e Iran. InLibia, una banca Rothschild venne fondataa Bengasi prima ancora della fine dei combattimenti in quel Paese nel2011. 
 Considerandoilpunto di vista bancario dellaminaccia della guerra contro l’Iran, si poteva notare che lapreoccupazione riguardo alla costruzione di un arsenale nucleare daparte dell’Iran non haragione di essere, alla luce degli arsenali nucleari in Israele,Pakistan e India. "Quale è dunque il vero motivo della minaccia diguerra?" chiese Papaherakles."Sono i trilioni di dollarida fare con i guadagni sul petrolio, o quellida fare sulla guerra? É perportare alla bancarotta l’economia degli Usa, o per dare inizioalla Terza Guerra Mondiale? Éper distruggere i nemici di Israele, o per distruggere la bancacentrale iraniana in modo chenon rimanga nessuno a sfidare il monopolio monetario dei Rothschild?Potrebbe essere uno qualsiasi di questi motivi o, peggio ancora -potrebbero essere tutti loro assieme."


1

PAOLOMALEDDU.COM @ ALL RIGHT RESERVED 2018

INFO COOKIE POLICY | TERMINI DI SERVIZIO

Articoli correlati

Enthusiastically visualize adaptive catalysts for change whereas cross functional e-services.
Credibly negotiate efficient testing procedures rather than multifunctional innovation. ​

OUR OCCULTED HISTORY - RELIGIONE E MONETA, IL DOMINIO DELLA FINANZA DA PARTE DEI KHAZARI, EBREI ASHKENAZI - HOLLYWOOD COMPLETAMENTE CONTROLLATA DAGLI EBREI

06/02/2018, 10:34

OUR-OCCULTED-HISTORY---RELIGIONE-E-MONETA,--IL-DOMINIO-DELLA-FINANZA-DA-PARTE-DEI-KHAZARI,--EBREI-ASHKENAZI---HOLLYWOOD-COMPLETAMENTE-CONTROLLATA-DAGLI-EBREI-

In questo brano Jim Marrs ci spiega che i Khazari sono un bellicoso popolo asiatico convertitosi alla religione ebraica non per fede, quanto piuttosto per interessi che hanno a che fare col prestito di denaro,

Create a website