a:link {color:red;}a:visited {color:purple;}
freddie-collins-309833
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 

12/09/2019, 03:59



Senza-definire-il-problema-centrale-dell’economia,-non-si-può-costruire-una-scienza.-Questo-problema-non-è-altro-che-quello-di-fare-mangiare-e-vivere-bene-un-popolo-intiero-...


 EZRA POUND - LE BASI ETICHE : Il pubblico nel suo complesso deve essere in grado di comprare il proprio prodotto globale ... Captans anonam maledictus in Plebe sit.



Rituffiamoci nella nobile battaglia condotta da Ezra Pound contro l’USURA e nel suo ammirevole tentativo di mettere per iscritto un testo chiaro, con terminologia adeguata e la volontà di combattere l’ignoranza in materia monetaria subdolamente diffusa tra le popolazioni grazie all’illimitata disponibilità economica dei banchieri usurai. I testi di Pound non sono in principio semplici da seguire per i numerosi riferimenti a fatti e personaggi a lui contemporanei o molto anteriori, e per la complessità nel seguire il filo dei suoi ragionamenti nei temi trattati; diventano molto più chiari una volta entrati  nel mondo  dell’autore. 

Alcune parti significative del capitolo LE BASI ETICHE :

Ezra Pound
ECONOMIA ORTOLOGICA 
da: «Rassegna monetaria», 1937


 LE BASI ETICHE 
Senza una chiara terminologia, senza una giusta definizione dellaMONETA non si può esprimere neppur la più rudimentale idea economica.Senza definire il problema centrale dell’economia, non si può costruire unascienza. 
Questo problema non è altro che quello di fare mangiare e vivere bene unpopolo intiero, come una buona massaia fa mangiare e vivere bene la suafamiglia, cioè di adoperare i mezzi esistenti, e di supplire alle deficienze.
 Il nemico, ossia tutte le forze avversarie, è stigmatizzato daSant’Ambrogio in una sola frase: 


Captans anonam maledictus in plebe sit.


 Tutto ciò che è anti-economico si risolve in monopolio sotto un aspetto osotto un altro. Esso, come il nemico, vive delle angustie e degli infortunialtrui. 

In qualsiasi società che abbia superato lo stato selvaggio il monopoliofondamentale è il monopolio del denaro. Tutti gli scandali, tutti i libri a grantiratura tipo quelli di Zischka: La guerra per il petrolio, la Vita di Zaharoff,ecc. mostrano i vari aspetti, del vero male: il controllo monopolistico dellapotenza d’acquisto. 

Conoscendo la natura della moneta e cercando la verità si precisano certiconcetti etici e si possono definire. Ripeto: da Sant’Ambrogio aSant’Antonino di Firenze si evolse un pensiero giusto e concreto. Cercandola giustizia, essi finirono col considerare l’interesse come una componentedel giusto prezzo, evitando così le esagerazioni. 

Le basi valide del credito sono: l’abbondanza della natura e laresponsabilità di tutto il popolo.

...

L’economia di GESELL è esposta nel suo Ordine naturaledell’Economia. Tutta la sua dottrina deriva da una definizione giusta dellamoneta. La moneta non è valida se è titolo a qualche cosa di nonconsegnabile. E per equilibrare la potenza d’acquisto con le merci (più iservizi) disponibili bisogna che i titoli spariscano col consumo; o che sitrovi qualche mezzo per mantenere il totale della moneta disponibile in unrapporto,  efficiente  col totale delle merci e servizi disponibili. 

Anche egregie persone fanno grandissima confusione fra il totale dellapotenza d’acquisto d’un popolo, e la potenza d’acquisto della unitàmonetaria.

 L’abilissimo politico F. ROOSEVELT è riuscito di buon’ora a denunciareil grave inconveniente che la metà del popolo americano non potessecomprare quello che produceva l’altra metà.  Il «guaio» è che egli, non vuolprima staccarsi da molti «amici» e che  tutto il popolo  americano non può  comprare quello che produce tutto il popolo americano. Questo puntoDOUGLAS lo coglie in pieno. 

I dettagli della politica economica in un paese dove l’abbondanza affamanon possono essere che ben diversi da quelli in un paese dove la prima curadel governo è (giustamente) quella di provvedere a ovviare alle deficienzeper non essere colto alla sprovvista.

Ma il problema: come adeguare la potenza di acquisto di tutto il popoloal totale delle merci (servizi) disponibili, rimane.

...

Il GESELL si concentrò sul concetto circolazione, e predispose i mezziaffinché non stagnasse. Il sangue nelle vene circola. 

La merce si crea e svanisce, viene consumata. I grandi lavorimonumentali, non si mangiano. 

La gente non mangia strade. Non dico che il sistema di GESELL( Schwundgeld ) sia indispensabile, ma dichiaro che l’uomo che non necomprende il  perché  non sarà mai un vero economista. GESELL hacalcolato o trovato un mezzo rozzo per fare sciupare e consumare unaproporzione della potenza d’acquisto  pari passu   col consumo dei cibi, coldeterioramento dei vestiti, con la combustione del carbone e del petrolio. 

Suppongo che i più savi dei banchieri (se esistono banchieri savi ai nostrigiorni) sosterranno che nel loro «sistema» si fa luogo a delle espansioni edeflazioni in rapporto a questi fenomeni, ma non si è mai scoperto chequeste operazioni vengano fatte per il bene del pubblico.

...

MARX forse vedeva una distinzione fra proprietà e capitale, ma il mondonon lo sa ancora. 

Io lascio ai miei lettori italiani la scelta dei termini ma l’economia habisogno di due parole che permettano di distinguere senza la minimapossibilità d’errore fra la categoria che contiene la sedia dove mi siedo, ilmio letto, la mia tavola, i miei vestiti, da una parte, diciamo, la mia proprietàche io devo conservare o rovinare, in mia facoltà senza danneggiare altrui, ed’altra parte, la categoria che contiene un mio titolo della Ferrovia diPennsylvania per il quale un complesso di uomini devono fornirmi 50dollari all’anno. 

Mi pare che sarebbe utile di chiamare questo titolo capitale  e di lasciarela parola  proprietà  per le cose che hanno più corpo.

...

L’etica della terminologia consiste nel non essere ambigua.Dopo il tempo di CROMWELL l’Europa è malata a causadell’indeterminatezza del secondo termine. 

La spada difende il solco da altre spade. La spada non difende il solcodall’usura. DANTE lo ha ben saputo, (si pensi a Gerione). 

Solamente una grande incomprensione della natura della moneta avrebbepermesso a NAPOLEONE di trovare soldi a Londra per armarsi control’Inghilterra. Questo processo mi pare contro l’economia, contro  l’oikos

DOUGLAS sbaglia meno degli altri perché è animato dalla sete dellagiustizia. La sua definizione fondamentale della salda moneta primitiva è  «The man that issued the money had the goods»  (L’uomo che emetteva lamoneta possedeva la merce, ossia il bestiame). 

Sotto ogni brano di buon senso economico si trova una salda base etica,un chiaro concetto dei rapporti, e una chiara dissociazione di cose di naturadiversa. 

Chi torna un po’ indietro trova trattati d’economia comprensibile. HUGHCHAMBERLEN, che scriveva nel a. d. 1696, parlando di  «Hands andLands»  trasmetteva senz’altro il suo concetto. Solamente col trionfodell’usura nell’ottocento si arriva all’imbrogliatura universale dellaterminologia economica. 

Il BERKELEY è abbastanza chiaro quando chiama moneta un biglietto(money, a ticket).

 DOUGLAS scoprendo la causa della mancanza globale della potenzamonopolio di questa potenza, concentrato non nelle mani d’un governobenevolo ma in mani altrui. 

GESELL vedendo che l’oro dura e la merce no, voleva una moneta che siadattasse quasi automaticamente alla sparizione della merce. Queste sonoazioni etiche. Non insisto sulle marchette. Posso ben vivere senza il piaceredi adoperare una seconda varietà di francobolli. 

Non credo che l’annullamento, mediante timbratura, dei francobollipostali a servizio reso, sia un mistero per il pubblico. Ma gli economistiscienziati che comprendono il perché dell’annullamento dei francobollipostali devono comprendere il perché delle marchette di GESELL e diAvigliano. 

Se la cancellazione non viene effettuata in un modo, deve effettuarsi inun altro. Il pubblico nel suo complesso deve essere in grado di comprare ilproprio prodotto globale.

...

Il posto più sicuro per quella riserva  «The safest place for the reserve ofpurchasing power»  fu designato da un rozzo padre della RepubblicaAmericana  «in the pants of the people»  nelle braghe del popolo. 

Non dico che questo sia il solo ripostiglio ma è UN ripostiglio nontrascurabile, che in nessun, modo può impedire o ostacolare l’esistenzad’altre riserve. 

Oltre queste poche precisazioni etiche dubito che ve ne siano molte altrenell’economia.  MARX vedeva che «il valore sorge dal lavoro», ma nonvedeva che un’enorme quantità di lavoro era stata GIÀ compiuta dai nostriantenati, inventori di processi meccanici. 

DOUGLAS demolì il Marxismo con questa percezione, come il GESELLlo demolì rilevando che «Marx non domandò mai: che cosa è la moneta?»Ma tutti e due agivano nel dominio dell’intelletto quasi non entrandonell’azione effettiva. 

Ma il principio del male, il Satana del sistema pre-Fascista, preDouglasista, pre-Gesellista, il padre delle bugie, è il creatore delle scarsitàartificiose.


 Captans anonam maledictus in Plebe sit. 


EZRA POUND



1
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Create a website