a:link {color:red;}a:visited {color:purple;}
freddie-collins-309833
PAOLO MALEDDU
PAOLO MALEDDU

Per maggiori informazioni, puoi scrivere a:

paolo.maleddu@gmail.com

+39 3496107688

Il Blog

La moneta è uno straordinario strumento di creazione e distribuzione di benessere per tutta l'Umanità. Non può esserlo solo per una esigua schiera di Usurai malati di delirio di onnipotenza.


20/02/2018, 19:38



MONDART--:--COME-SI-SPINGONO-GLI-UOMINI-A-SPARARSI-CONTRO-?


 Riprendiamo a pubblicare i bellissimi post di Mondart, troppo a lungo trascurati. Tra poco li troverete tutti raccolti in una pagina dedicata



Riallacciamo il filo conduttore con Mondart e i suoi articoli illuminanti sulle tecniche usate dall’élite dominante per ingannarci e sottometterci, senza che noi neanche percepiamo lo stato di schiavitù nel quale ci troviamo.
Qui di seguito, un altro bellissimo post:

03 marzo 2011
COME SI SPINGONO GLI UOMINI A SPARARSI CONTRO ?

IL SEGRETO DELLA GUERRA

Nel suo libro "Onkilling" Dave Grossman ha riscritto la storia militare, mettendoin evidenza quello che le altre storie nascondono: il fatto che lascienza militare si occupa meno di strategia e tecnologia, piuttostoche scoprire il modo di far superare l’istintiva riluttanza degliuomini ad uccidere membri della loro specie. 

 La vera "rivoluzionenegli affari militari" non fu la spinta di Donald Rumsfeld versol’alta tecnologia nel 2001, ma la scoperta nel 1941 del generaleMarshall che solo il 15-20% dei soldati della seconda guerramondiale in prima linea avrebbero usato le loro armi: coloro(l’80-85%) che non sparavano, non fuggivano e non si nascondevano (inmolti casi correvano enormi rischi per salvare i compagni), masemplicemente non usavano le loro armi contro il nemico, nemmenoquando affrontavano attacchi banzai.

  La scoperta di Marshall, e lericerche conseguenti, dimostrarono che in tutte le guerre precedenti,una piccola minoranza di soldati - il 5% che sono psicopaticinaturali, e probabilmente una piccola minoranza di imitatoritemporaneamente insani - furono responsabili di quasi tutte leuccisioni.
 Lepersone normali si ritrovano semplicemente dentro il movimento,fanno il possibile per evitare di togliere la vita al nemico, anchequando questo implica la perdita della propria vita. 
 La guerra sono massacri ritualizzati fatti da psicopatici contro nonpsicopatici.

Lo studio del generaleMarshall ha una importanza fondamentale, e se compreso a fondorivoluziona totalmente la concezione dell’essere umano che da sempreci viene propagandata.
 Nei libri di storia leguerre sono descritte come inevitabili conseguenze di una serie difattori, scontri in cui gli eserciti nemici si affrontano neltentativo di eliminare l’avversario. 
 E viene fatto credere che la guerra, il massacro, sono insitinell’animo umano.

Questo è falso,decisamentefalso, e deriva sostanzialmente da un vecchio costrutto filosofico(ormai superato nel contesto di discipline quali la psicologia e lasociologia) del ’700, che faceva pronunciare al filosofo Hobbes che"homo homini lupus" ... concetto successivamente ripreso daKant con la sua teorizzazione del "MaleRadicale", secondoil quale l’uomo, "pur razionalmente consapevole del bene, èportato irrazionalmente a scegliere il male" ...!!!
 E la "logica" dovesta ? Anche un bambino vede che questo assunto si contaddice da sé,in barba al primo postulato della logica aristotelica di noncontraddizione (per cui "A" non può essere uguale a "nonA"). 

Non solo, ma tale concetto èstato smentito da sociologi quali  E. Fromm, che confrontandol’organizzazione sociale di alcune società tribali arriva astabilire che l’orientamento umano verso forme sociali adattive allavita o al contrario aggressive e distruttive è in strettacorrelazione al tipo di struttura sociale stessa, e a quanto essafavorisca o impedisca la naturale predisposizione dell’uomo arapportarsi in modo pacifico e costruttivo. 

Equanto l’affermazione vista sopra sia falsa, chi detiene il potere, ei vertici militari, lo sa molto bene. Comeafferma il colonnello Grossman infatti, lescienze militari si occupano essenzialmente di scoprire il modo perfare superare al soldato medio la naturale riluttanza nell’uccidereun altro essere umano.
 Perchéla maggioranza degli esseri umani, con tutte le loro miserie e i lorodifetti, preferisce il quieto vivere e la tranquillità alle guerre.
 Ed ogni qualvolta igrandi poteri decidono per una guerra, devono spendere molte energieper far superare questo blocco istintivo a quelli che diverranno isoldati da sacrificare sul tavolo dei loro piani. 

 Leguerre di massa come è noto sono fenomeni moderni; in passato, inepoca pre-moderna, la guerra era affare di una piccola parte dellasocietà.
 Dall’antichità deiguerrieri, passando per i nobili medioevali e per gli esercitimercenari, guerra significava lo scontro tra due eserciti composti dapersone che non si dedicavano ad altro nella vita, se non combatteree prepararsi a farlo.
 La prima Guerra Mondiale fu laprima che coinvolse i grandi strati della popolazione europea, e civollero decenni di propaganda romantica che esaltava il sacrificio el’amor di patria perdiffondere quello stato d’animo necessario a far partire milionidi giovani lanciati verso il massacro. 
 Quei giovani capirono presto che la guerra non avevanulla di eroico e di romantico, come era stato loro raccontato, maormai era troppo tardi. 

Una minoranza di psicopaticiin qualche modo riesce sempre a fare in modo che la grandemaggioranza sia convinta, costretta, ad andare contro il proprionaturale istinto pacifico e partecipare a questi massacri. 

COME DIVIENE POSSIBILE TUTTOQUESTO ? 

... Semplicemente allostesso modo con cui si vendono la Coca-Cola, oun detersivo, o uno yogurt.Compreresteinfatti la Coca-Cola semplicemente se in Tv vi dicessero che "èuna bibita zuccherata e gassata di colore scuro, ma tanto tantobuona"?  Forse sì, ma certo la ditta sarebbe ormai fallita datempo per penuria di vendite. Per riuscire a vendere un prodotto(così come un’idea) infatti non sarà sufficiente elencarvi le suecaratteristiche tecniche, ma occorrerà risvegliare in vario modo nelcompratore una qualche emozione, una reazione emotiva, un particolarestato d’animo da scaricare poi sul prodotto stesso. Tutto questoavviene in modo inconscio e subliminale, per cui l’ignaro acquirentenemmeno si accorgerà dell’inganno e del fatto che, acquistando labottiglietta, sta effettivamente ed inconsciamente acquistandol’emozione associatavi. Così, per esempio, metterannoun gruppo di ragazzi giovani e festanti in abbigliamento hyppie acantare in coro un motivetto orecchiabile e natalizio sopra unacollinetta in provincia di Siena, illumineranno il set in modoaccattivante, e risveglieranno in voi un "blocco" diemozionalità positive: l’atmosfera festosa, la gioventù,l’amicizia, lo stare insieme, ecc. Che verrà venduto alla vostraparte inconscia come "tutto compreso" assieme allabottiglietta. Le stesse sensazioni saranno più o menoconsapevolmente richiamate in voi quando al supermercato, tra labottiglietta pubblicizzata ed una assolutamente anonima, allungheretela mano verso la prima, proprioperché la sentirete "più familiare", più amica, una cosainsomma di cui "ci si può fidare". 

Ma allo stesso modo,come si può generare una sensazione positiva, così può essererisvegliato in voi il peggior odio e la peggior cattiveria di cuipossiate essere capaci.
 Chi sarebbe capace infatti di puntare ilmitra e aprire il fuoco massacrando atrocemente e infliggendo lasofferenza e la morte ad un suo simile ventenne, sapendo che a casaha una madre e un padre che lo hanno cresciuto e stanno aspettando inansia il suo ritorno, che ha una ragazza la cui foto ha appenaguardato e riposto con un bacio nel taschino, che come voi fa unlavoro umile, che ha gli scarponi che gli massacrano i piedi, el’unica cosa che desidera è solo potersene tornare in santa pace acasa sua ? Probabilmente gli offrireste una sigaretta, e ve lafumereste assieme chiedendovi chi mai e come abbia potuto mandarvi lì...
 E come potrebbero mai mandarvici in guerra,semplicemente elencandovi razionalmente i motivi più o meno nobiliper cui dovreste rischiare la vita ?

ILPOTERE DELLA PROPAGANDA : a questo serve la propaganda, edil suo potere è talmente forte da farvelo premere, quel grilletto... I rispettivi vertici delpotere avranno infatti da tempo intrapreso una operazione commercialemolto simile a quella del vendervi una Coca-Cola, solo che quello cheora vi vendono saranno delle idee ... due idee sostanzialmente : unache vi dica quanto nobile sia la causa per cui andrete a combattere,ed un’altra che vi dica quanto diabolico e perverso sia il nemico.
 La tecnica di persuasione sarà condotta nellostesso modo dello spot: agirà subliminalmente, tendendo prima adinculcare e poi a risvegliare in voi delle emozioni ben precise. 

Cosìcominceremo a dipingere il "nemico" privandolo di ognicaratteristica umana e caricandolo di ogni difetto possibile;soprattutto si cercherà una "immagine fotograficafacile da visualizzare" concui descrivere ed identificare il nemico: il comunista che mangia ibambini, il terrorista che mette le bombe, e via dicendo. Lapropaganda parla per "immagini evocative", non per discorsilogici, figure ripetute poi come un mantra ad ogni possibileoccasione ... 
 Parallelamente si farà appello al vostro senso di appartenenzarichiamando in voi le sensazioni di affetto e calore familiare, ilsenso di dovere verso i vostri compagni e compatrioti ... cose chediventeranno esplosive nella paura e solitudine della battaglia ...chi ve ne priva ? Lui, il nemico che mangia i bambini ...
 Lo stress, la paura, la disciplina, l’istinto diconservazione faranno il resto: premerete il grilletto.

Hasenso tutto questo ? Per vendere un prodotto, forse ... e propriocome un prodotto siete stati messi in vendita, anzi ... per unacampagna pubblicitaria, a ben guardare, si spende molto, molto dipiù.

MONDART


1

PAOLOMALEDDU.COM @ ALL RIGHT RESERVED 2018

INFO COOKIE POLICY | TERMINI DI SERVIZIO

Articoli correlati

Enthusiastically visualize adaptive catalysts for change whereas cross functional e-services.
Credibly negotiate efficient testing procedures rather than multifunctional innovation. ​

MONDART : COME SI SPINGONO GLI UOMINI A SPARARSI CONTRO ?

20/02/2018, 19:38

MONDART--:--COME-SI-SPINGONO-GLI-UOMINI-A-SPARARSI-CONTRO-?

Riprendiamo a pubblicare i bellissimi post di Mondart, troppo a lungo trascurati. Tra poco li troverete tutti raccolti in una pagina dedicata

Create a website