a:link {color:red;}a:visited {color:purple;}
freddie-collins-309833
PAOLO MALEDDU
PAOLO MALEDDU

Per maggiori informazioni, puoi scrivere a:

paolo.maleddu@gmail.com

+39 3496107688

Il Blog

La moneta è uno straordinario strumento di creazione e distribuzione di benessere per tutta l'Umanità. Non può esserlo solo per una esigua schiera di Usurai malati di delirio di onnipotenza.


15/03/2018, 06:50



MONDART-:-COME-FUNZIONA-UNO-SPOT-PUBBLICITARIO


 In questo spot Mondart ci spiega con quali tecniche subliminali veniamo condizionati dai media dei Mistificatori della Narrazione.



Con la stessa facilità con la quale uno spot pubblicitario condiziona le nostre scelte tra gli scaffali del centro commerciale, allo stesso modo la nostra "opinione pubblica" viene  formata  e incanalata a piacimento verso determinati orientamenti di pensiero senza che noi ce ne rendiamo conto. Le nostre decisioni non sono libere, ma piuttosto fortemente  indirizzate. Come dice Mondart, questo condizionamento può non essere importante quando riguarda la scelta tra uno yogurt o l’altro, ma assume tutt’altra rilevanza quando incide pesantemente sulle decisioni che riguardano l’organizzazione della società civile o la stessa scelta dei valori sui quali orientare una intera vita. 
Una vita vuota di consumi usa e getta  secondo i dettami del Pensiero Unico dominante, o una piena da Essere Umano sociale unito, in armonia con il nostro sentire naturale,  da forti sentimenti di amore reciproco con i propri simili ?  

10 marzo 2011 
COME FUNZIONA UNO SPOT PUBBLICITARIO

Lo spot qui  presentato è un ottimo esempio per capire il meccanismo fondamentale su cui si basa ogni dinamica pubblicitaria, proprio perché qui la troviamo espressa praticamente "a nudo", e realizzata nella sua forma più semplice, primitiva, e senza veli. 

  Meccanismo che consiste nel generare prima una tensione, un’attivazione particolare dell’attenzione, e poi risolverla in un senso di quiete e di pace raggiunta : solo in quel preciso momento andranno ad inserirsi il Marchio ed il messaggio pubblicitario vero e proprio, che arriveranno allo spettatore esattamente al massimo delle capacità ricettive cui avremo saputo portarlo. 

  Il messaggio finale dovrà infine essere riassunto in uno "Slogan", quanto più immaginifico e facile da ricordare, che funzionerà da "richiamo emozionale" alla sensazione già indotta con lo spot, ogni qual volta verrà pronunciato ... "Yomo, felice di piacervi" ... la frase dovrà essere sintetica ed efficace, un semplice "suono", un "flash" che non coinvolga il ragionamento critico, ma venga immediatamente assimilata a livello subliminale, eludendo appunto il filtro del pensiero superiore. 












    Tensione>Quiete; Settima>Tonica; Attivazione >Relax; Problema>Risposta; Desiderio>Gratificazione ...

Possiamo chiamarla in molti modi ma la dinamica fondamentale, semplicissima ed universalmente valida, è sempre la stessa, ed è strettamente connaturata in noi, fa parte della nostra stessa dinamica biologica, è il meccanismo stesso della vita ... E lo troviamo riproposto ovunque, come dimostra in altro campo la musica, con il suo succedersi di accordi di moto (Dominante) che "risolvono" su accordi di quiete (Tonica), o come succede nell’orgasmo, esempio classico e certamente familiare a tutti ... tensione, quiete ... (e non è forse ad orgasmo avvenuto che si ha il momento di maggior recettività all’interno di una coppia, il momento migliore per comunicare, coccolarsi, e via dicendo ?) ... Non è forse ad orgasmo avvenuto il momento migliore per fare progetti, per dire "ti amo", oppure "aspettiamo un bambino", come anche "Amore, ho ammaccato la macchina" ... ? 
 E perché proprio quello è il momento migliore ?

 Semplicemente perché abbiamo cercato ed ottenuto la piena complicità emozionale del partner, abbiamo attivato positivamente tutti i suoi sensi e tutta la sua attenzione ad accoglierci, e contemporaneamente abbiamo abolito nel maggior grado possibile ogni sua possibile aggressività, ogni possibile resistenza nei nostri confronti ... ... E anche grazie ad un mix di desiderio erotico, aspettativa di soddisfazione, e altissimo coinvolgimento emotivo, abbiamo abbattuto ogni sua difesa logica, facendolo regredire (ovvio, solo in questo senso e particolare momento, e senza probabilmente essere animati da intenti di "persuasione occulta" tipicamente pubblicitari) all’emozionalità, all’indifesa disponibilità, all’ingenua ed abbandonata fiducia tipiche di un bimbo.

 ... (Tra parentesi: qui intravvediamo anche il più grosso pericolo della pubblicità : quello di sfruttare dinamiche amorose, emozionali e affettive a fini di controllo : e mentre noi "regrediamo assieme alla persona amata" - ve lo immaginate che soddisfazione sarebbe trovarsi sotto le lenzuola come due perfetti, freddi e calcolatori ragionieri ? - la pubblicità rimane invece estranea al gioco per condurlo verso i suoi fini, esattamente come farebbe un amante emotivamente malato e sadico; la pubblicità punta SEMPRE su una distorsione emozionale rivolta al nostro "Bimbo Interiore": in questo caso di Yomo, per esempio, è chiarissimo il transfert emozionale usato dapprima di DISTACCO (l’adulto imbronciato, vissuto come minaccia di abbandono dal nostro bimbo inconscio) e poi di RICONCILIAZIONE (il sorriso e rabbonimento finale del viso, vissuti come amorevole conferma e rassicurazione). La crudeltà (o la perfetta funzionalità del meccanismo, secondo il punto di vista) è che si inducono le persone a credere, proprio ATTRAVERSO il nostro bimbo interiore (che ricordiamolo, in quel preciso momento ha la stessa emotività "inconscia reale" di un bambino di tre anni), che questo "appagamento finale", questo senso di sicurezza dipenda da oggetti materiali e non da persone (con una dissociazione tra imput e output simile a quella che potrei generare nella mia partner prima sgridandola, poi conducendola affettuosamente a far l’amore e infine lasciandola in balìa di un semplice vibratore ... Yomo !) : non a caso un celeste motto recita che la Pubblicità è quella scienza per cui le persone diventano oggetti, e gli oggetti persone.
 (Ed è ancora per questo sostanziale motivo che inizialmente trasmissioni come Carosello si imponevano un’etica rigorosa sul limitare l’influenza inconscia del messaggio pubblicitario, obbligandolo ad attenersi allo scrupoloso rispetto di un "collegamento logico" con la storiella che precedeva : oggi siamo all’opposto, per cui la "persuasione occulta" è diventata il modo comune di comunicare anche nel mondo sociale, culturale, politico, istituzionale : del resto in ogni periodo storico critico è sempre stato il modo tradizionalmente adottato dalla "Propaganda", da sempre sorellastra poco etica della Pubblicità che dovrebbe invece mantenersi esclusivamente entro ben ristretti ambiti commerciali). 

Teniamo ben presenti questi passaggi, perché ogni messaggio pubblicitario (come anche ogni immagine pubblicitaria, sia chiaro !) per funzionare ha bisogno di ricreare esattamente questa fondamentale dinamica "emozionale - erotica regressiva", tutto sommato di tipo squisitamente sadico: dinamica che possiamo trovare "vestita o travestita" in vario modo, ma che ha, sempre e comunque, un andamento ben preciso (e funziona in questo esattamente come l’algoritmo di un processore): 

- 1) Attivazione dell’attenzione nello spettatore distratto (cosa qui ottenuta con eccezionale e geniale efficacia, tanto che lo spot si differenzierà da tutti gli altri proprio in virtù della sua "stranezza")  

- 2) Introduzione di una tensione, piacevole o spiacevole che sia (l’elemento di tensione può essere indifferentemente di tipo piacevole e "sintonico" come nel caso del richiamo ad una situazione erotica dove genera un tipo di aspettativa piacevole, o "spiacevole e distonico" come nello spot di Grillo, dove genera un’attesa di tipo ansiogeno ... questo ha un’importanza secondaria, anzi ai fini pubblicitari il secondo ha in più una favorevole componente di "spiazzamento" in quanto crea un piccolo shock che, abbassando maggiormente le difese coscienti, consente una maggior penetrazione del messaggio successivo !)

 - 3) Portare la tensione a risoluzione emozionale sul prodotto (in questo esempio, Grillo che alla fine sorride schernendosi e rilassando l’espressione del volto; in "La pancia non c’è più", facendo un altro esempio, il protagonista che si sveglia da un brutto incubo in cui si vedeva terribilmente ingrassato - tensione ansiogena incalzata anche dal ritmo in crescendo della colonna sonora - finalmente senza l’orrida "pancia", e corre grato ad "abbracciare" la fida bottiglia dell’Olio Sasso ... e via dicendo)

 - 4) Introduzione finale del messaggio logico - verbale (Il marchio Yomo compare SOLO ALLA FINE del filmato, e solo alla fine, quando il meccanismo inconscio di tensione>quiete ha svolto interamente la sua dinamica, si "introduce il messaggio logico", conferendogli così quella forza di penetrazione che non avrebbe altrimenti assolutamente avuto; messaggio logico che va così ad inserirsi nel momento di maggior recettività, inconscia complicità e fanciullesco senso d’aspettazione ottenuti sullo spettatore. E’ questa la fase del "detournement", dello spiazzamento emozionale che viene reindirizzato dalla "persona" Grillo all’"oggetto" Yomo).  

Tutto questo avviene nella frazione di un secondo, oltrepassando bellamente ogni barriera conscia, oltrepassando lo stesso processo logico (a chi importerebbe qualcosa se a metà pranzo uno ti importunasse spiegandoti le ipotetiche virtù di un prodotto ? Chi sarebbe disposto ad ascoltarlo ? Non ne ricaveremmo invece un forte senso di importunità e fastidio ? E se anche riuscisse ad attirare la nostra attenzione, quanta fatica e quante parole gli occorerebbero allo scopo di convincerci ? E ci riuscirebbe con la stessa forza e lo stesso coinvolgimento emozionale in cui uno spot ci riesce in soli 30 secondi ?) ... MA SOPRATTUTTO: come potrebbe eludere le nostre barriere logiche, il nostro raziocinio, insomma il nostro stato di coscienza vigile ?  

E ATTENZIONE ... Anche se in questo esempio abbiamo parlato di un filmato, la stessa identica dinamica sarà ravvisabile anche nella "apparente staticità" di una singola immagine, come nel caso di una copertina, o di un qualsiasi altro utilizzo in stampa, sia chiaro ! 

Parlando ora da un punto di vista prettamente tecnico di efficacia di una comunicazione pubblicitaria, succederà che quando questa precisa sequenza per vari motivi non si verifica in tutta la sua interezza, avremo una serie di "errori di comunicazione", che vanno da una comunicazione nulla (non mi dice niente) ad una inappropriata (dice ma non convince, insomma non usa "le parole giuste") al vero e proprio "boomerang", gergo pubblicitario che sta ad indicare il verificarsi di quel preciso fenomeno in cui la tensione raggiunta, mal risolta o mal convogliata, si ritorce negativamente contro chi l’ha usata, proprio perché la sua mancata risoluzione finisce col creare un senso di ostilità (invece che di complicità )nell’interlocutore. (E questo vale non solo per una tensione distonica, ma soprattutto per un’aspettativa piacevole e sintonica che non venga opportunamente soddisfatta e lasciata "in sospeso", come potrà spiegarvi benissimo vostra moglie).  

... Insomma, per farla breve sarebbe come se in questo spot Grillo avesse tenuto quell’espressione inquietante ed ambigua fino alla fine, proprio sopra il marchio da reclamizzare ! ... Col risultato che, invece di una sensazione di sollievo, sarebbero stati proprio il vostro spiazzamento e la vostra iniziale inquietudine a trasferirsi dritti-dritti sul marchio.

 E’ CATTIVA, DUNQUE, LA PUBBLICITA’ ?  

La pubblicità non è che un mezzo, non è che una tecnica, ed in quanto tale non è né buona né cattiva ... finché tale meccanismo viene applicato ad un aspetto tutto sommato di piccola portata, quale il favorire di un prodotto rispetto ad un suo diretto concorrente ...
 E’ un "Linguaggio", e come tutti i linguaggi può essere più o meno efficace, più o meno di qualità ... 
 (Anzi, personalmente amo particolarmente questo spot per genialità, la novità, l’autoironia, tutti elementi che denotano una grande e positiva creatività, ed una conseguente "alta qualità ed efficacia tecnica" del linguaggio in questione ...)  

MA ATTENZIONE ! Cosa succede quando le stesse dinamiche vengono applicate non più ad oggetti di piccolo consumo, ma al mondo stesso delle idee e del pensiero, insomma al nostro immaginario più profondo ? 

 Cosa succede quando vengono attaccati gli "Archetipi Culturali" di un popolo, di una cultura, di una nazione ? 

Cosa succede quando la Pubblicità perde completamente il limite etico, e va ad attaccare addirittura gli Assoluti su cui si basa tutto il nostro pensiero più profondo, la nostra civiltà, la nostra stessa "natura" ? 

... Succede che non c’è più nessuna differenza tra la "vendita di uno yogurt" e "l’imposizione di un Pensiero Unico", per fare solo un esempio a caso ... ! ... E’ quanto vedremo nel prossimo post.  

Purtroppo l’atteggiamento comune sottovaluta ed inverte stoltamente la portata di questi aspetti, tendendo a vedere la "mostruosità" in un semplice spot e sorvolando invece bellamente sulla sistematica distruzione della propria cultura, dei propri archetipi, del proprio immaginario profondo, operata tramite l’abuso criminale e sistematico da parte dei Media di una propaganda ormai priva di ogni eticità ... Abuso pericolosissimo proprio perché si mostra travestito in modo innocuo ed innocente, (di cui tutta la tecnica televisiva è un ottimo esempio), e si inserisce sfruttando molto spesso proprio "il buono" di noi, le nostre migliori qualità e legittime aspirazioni, aspettative, desideri.
                                  Mondart 


1

PAOLOMALEDDU.COM @ ALL RIGHT RESERVED 2018

INFO COOKIE POLICY | TERMINI DI SERVIZIO

Articoli correlati

Enthusiastically visualize adaptive catalysts for change whereas cross functional e-services.
Credibly negotiate efficient testing procedures rather than multifunctional innovation. ​

MONDART : COME FUNZIONA UNO SPOT PUBBLICITARIO

15/03/2018, 06:50

MONDART-:-COME-FUNZIONA-UNO-SPOT-PUBBLICITARIO

In questo spot Mondart ci spiega con quali tecniche subliminali veniamo condizionati dai media dei Mistificatori della Narrazione.

Create a website